| categoria: politica

L’allarme di Mattarella: dal terrorismo rischi di una terza guerra mondiale

Parla di terrorismo e di rischi di nuovi conflitti mondiali Sergio Mattarella nel messaggio inviato al Meeting di Rimini. «L’umanità che mostreremo nell’accogliere i profughi disperati, l’intelligenza con cui affronteremo i fenomeni migratori, la fermezza con cui combatteremo i trafficanti di essere umani saranno il modo con il quale mostreremo al mondo la qualità della vita democratica».
«Il terrorismo alimentato anche da fanatiche distorsioni della fede in Dio sta cercando di introdurre nel Mediterraneo, in Medio Oriente, in Africa i germi di una terza guerra mondiale. Sta alla nostra responsabilità fermarla», ha scritto ancora il presidente della Repubblica.
«Sta a noi prosciugare l’odio, far crescere la fiducia e la cooperazione, mostrare i vantaggi della pace», sottolinea il capo dello Stato. «L’Europa ha il compito di grande rilievo perché il dialogo tra le religioni monoteiste può svilupparsi già all’interno delle nostre società, divenute plurali e multietniche», prosegue Mattarella.
«La persona è il fondamento della comunità e dello Stato. La sua libertà, il valore incomprimibile del suo essere unica e irripetibile, l’integralità dei diritti umani preesistono, come indica l’articolo 2 della nostra Costituzione, agli stessi ordinamenti. Da questa radice è nato il Meeting, che nel tempo ha prodotto centinaia di incontri e discussioni, ha arricchito il dialogo, ha sviluppato maturazioni e amicizie», afferma poi il capo dello Stato.
«In questa esperienza si sono formati tanti giovani, è cresciuta e si è fatta adulta la vostra associazione, ne ha tratto ricchezza il pluralismo della nostra società e della nostra cultura», prosegue il capo dello Stato. «L’ideale personalista è una grande aspirazione dell’uomo moderno che trova nelle formazioni sociali e nei corpi intermedi il suo pieno compimento. È un impegno di popolo, al quale ciascuno è chiamato a contribuire nel pluralismo delle convinzioni e delle culture. Tutti ne trarremo beneficio. A partire dalle istituzioni e dalla politica», conclude Mattarella.

Ti potrebbero interessare anche:

Grillo, mai alleanza con Pdl o Pd
Sit-in sotto Palazzo Grazioli? Polemica ma c'è l'ok
Il caso De Girolamo avvicina il rimpasto, ma Renzi frena
De Girolamo, indagini sul "direttorio". Ma c'è chi grida al complotto
Stop alla Camera al decreto Omnibus, così è difficile lavorare
GOVERNO: GELMINI, A FORTE TRAZIONE GRILLINA, FI VOTERÀ NO ALLA FIDUCIA



wordpress stat