| categoria: turismo

Fine estate con le sagre, sette italiani su dieci ci vanno

Con l’estate che sta per finire gira invece a pieno ritmo la ‘macchina’ delle sagre, un numero ‘monstre’ di appuntamenti dalla primavera all’inverno che tocca i 30mila appuntamenti, per un giro di affari stimato intorno ai 3 miliardi di euro. Il fatto è che le sagre sono sempre più amate dagli italiani piu’ di sette italiani su dieci (71 per cento) hanno scelto di partecipare quest’estate a sagre e feste di Paese, secondo un’analisi Coldiretti/Ixe’. Una tendenza – sostiene Coldiretti – frutto dell’esigenza di contenere le spese ma anche di ristabilire un rapporto più diretto con il cibo, la cultura e le tradizioni territoriali, soprattutto nel momento delle vacanze estive quando si moltiplicano le iniziative di valorizzazione dei prodotti locali con feste organizzate in tutta Italia, nei piccoli e grandi centri. L’Unpli, che raccoglie 6000 Pro Loco che danno vita a circa il 50% di tutte le sagre italiane, calcola in 25 milioni le persone, tra italiani e stranieri che ogni anno partecipano a sagre e manifestazioni analoghe.

In molti si accontentano di guardare e curiosare tra le bancarelle ma c’è anche chi ne approfitta per acquistare souvenir o ricordi della vacanza e chi invece coglie l’occasione per gustare cibi e specialità locali. Secondo l’analisi Coldiretti, il 13 per cento dei frequentatori non spende niente, il 51 per cento non più di dieci euro per persona e il 31 per cento tra i 10 ed i 30 euro per persona, mentre gli altri non rispondono. Sagre, fiere e mercati di paese in Italia sono dedicate a ricorrenze storiche, religiose, ma soprattutto a prodotti tipici dell’enogastronomia locale che sono molto spesso al centro dei festeggiamenti che si concentrano proprio a settembre quando si raccolgono pregiati frutti della terra, dall’uva ai funghi.

“Le sagre sono cresciute nel tempo, sia nella qualità che nel servizio” – osserva Loris Cattabriga, presidente dell’Associazione turistica sagre e dintorni che organizza da 14 anni il salone nazionale delle Sagre e Misen (Mostrassaggi interprovinciale sagre enogastronomiche) a Ferrara.

“Le sagre – aggiunge Cattabriga – piacciono perché si riscoprono i sapori di una volta ma anche valori dimenticati come la convivialità, lo stare insieme in piazza e socializzare.

Anche il livello del pubblico di queste manifestazioni si è molto elevato”.

Ti potrebbero interessare anche:

Cuba, 50 anni dopo riapre lo Sloppy Joe
CARNEVALE/ A Loano carri, maschere e majorettes per la festa più grande della Liguria
Pasqua a Cortina, sci e struscio. Grande assente il sole
Nei 7mila top hotel ogni anno cibo per 2,3 miliardi
Milano prima meta turistica italiana
Tonnara Florio, museo archeo-industriale



wordpress stat