| categoria: economia

Fiumicino, a ottobre l’Enac presenta un piano di investimenti

Dopo l’incendio e i disagi, per Fiumicino arriva il momento degli investimenti e della collaborazione tra Enac, Adr e Alitalia. Per l’aeroporto romano arriverà infatti dopo il 10 ottobre un piano di investimenti, con una vera e propria «giornata di presentazione pubblica a cui inviterò Ferrovie, Anas e ministero dei Trasporti e a cui seguirà una consultazione con tutte le altre compagnie». Ad annunciarlo è il presidente dell’Enac, Vito Riggio, che ha incontrato i rappresentanti di Adr e Alitalia proprio per discutere dei prossimi investimenti sullo scalo aeroportuale. Il fatto che Alitalia condivida il piano per la realizzazione di una nuova aerostazione e il generale potenziamento di Fiumicino rassicura il presidente dell’Enac che ha sottolineato anche «l’importanza che ci sia un forte impegno del governo, visto che si tratta della più grande opera pubblica finanziata con capitali privati degli ultimi anni». L’incontro si è svolto quindi all’insegna di un clima sereno e di piena collaborazione, nonostante la polemica estiva sulle minacce di Alitalia di lasciare Fiumicino. Un’eventualità che per Riggio se si fosse concretizzata sarebbe stato come voler lasciare l’Italia, dato che «Alitalia non c’è dove metterla ed è organizzata per lavorare su Fiumicino». La questione però non ha avuto seguito, non è stata posta al tavolo e quindi per il presidente dell’Enac si ritiene superata. L’obiettivo delle parti resta quello di migliorare la qualità dei servizi resi all’utente ed essere preparati ad accogliere un maggior numero di passeggeri sia in vista dell’imminente Giubileo, sia per la prevista crescita del traffico aereo nei prossimi anni. Tornando al piano di investimenti, soprattutto quelli per Fiumicino Sud, dai soggetti seduti al tavolo è emersa condivisione di intenti anche sulla necessità sollevata da Alitalia di collegare il nuovo aeroporto meglio dell’attuale «prevedendo il coinvolgimento oltre che di Adr anche di Ferrovie, Anas e governo», ha aggiunto Riggio. L’Enac ha fatto sapere che particolare attenzione sarà infatti riposta nell’intermodalità e nella realizzazione di infrastrutture che serviranno a collegare l’aeroporto con il territorio, secondo i modelli dei più importanti scali internazionali e nel rispetto delle tematiche di tutela dell’ambiente.

Ti potrebbero interessare anche:

Era ora, la crisi fa riscoprire agli italiani lavori poco qualificati
Istat: sale la fiducia dei consumatori, ai massimi dal luglio 2011
COMMERCIO/ Volano le vendite dei discount, in caduta quelle dei piccoli negozi
Alitalia, arriva il sì di Etihad, 7 giorni per gli ultimi nodi
Confcommercio, 15 anni per risalire la china. Solo nel 2030 consumi a livello pre-crisi
Volkswagen, il dieselgate porta il primo rosso in 15 anni: 1,67 mld di perdite nette



wordpress stat