| categoria: Roma e Lazio

IL PUNTO/ C’è una centrale di spaccio riconosciuta ma off limits per le forze dell’ordine. E Marino pensa alle chicche per terra

Un articolo pubblicato dal Messaggero racconta quel che molti sanno sul territorio, negli uffici dei commissariati, nelle stazioni dei carabinieri. C’è uno stabile a Tor Bella Monaca, un condiminio, sequestrato dai pusher : catene ai cancelli per impedire le perquisizioni, filtro ai residenti, lampioni fracassati per assicurare la giusta privacy. L’articolo parla di due volanti arrivate davanti ai cancelli e allontanate a sassate. Il clima di illegalità, evidentemente, è totale. Altro che funerale dei Casamonica. Allora il discorso è semplice: o l’articolo dice un sacco di sciocchezze o le forze dell’ordine assistono impotenti a una macelleria sociale. Non interviene nessuno, è evidente che la gente si senta abbandonata dalle istituzioni. Invece di presidiare con le forze dell’ordine, con l’esercito una serie infinita di punti sensibili perché entrare in forze in quel quadrante, presidiarlo e assicurare alla giustizia i malavitosi di turno? O siamo di fronte ad una favela di tipo brasiliano dove la polizia entra solo con i blindati e con le armi spianate. Prima di pensare a tante stupidaggini giubilari forse affrontando questi problemi si avvierebbe un discorso virtuoso per la città

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti, il primo atto di governo è per i bambini della Casa di Peter Pan
Marino e l'Assessore alla Scuola penalizzano le famiglie?
Tridente pedonale, caos. E scattano le prime multe
CAMPIDOGLIO/ Intervento di manutenzione straordinaria alla stazione Tiburtina
Come vuole Zingaretti, nel Lazio meno cesarei e meno attese per interventi al femore
Troppe donne al Municipio XIII, giunta grillina illegittima?



wordpress stat