| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Anaao-Assomed all’attacco di Zingaretti, il decreto sulle Asl romane emblematico della incompetenza della Giunta

«Il recente Decreto Commissariale che prevede la costituzione di tre Asl a Roma rappresenta l’ennesima dimostrazione della totale mancanza di progettualità e di competenza della attuale gestione commissariale. In apparenza il quadro economico è migliorato, grazie ad innumerevoli tagli a personale, servizi, strutture, ma il prezzo pagato dai cittadini del Lazio è stato altissimo in termini di caduta dei livelli assistenziali, tanto da indurre un sempre più ampio ricorso alla medicina privata». Così Guido Coen Tirelli, segretario regionale di Anaao-Assomed del Lazio. «Il ridisegno iniziato nel 2013 con la fusione di RmA e RmE, l’annullamento della Azienda Ospedaliera San Filippo Neri – aggiunge – sono la dimostrazione della totale incapacità di questa gestione regionale di dar luogo a progetti di riordino, frutto di una analisi preliminare competente e finalizzata alla garanzia dei servizi ai cittadini di Roma e del Lazio. Ora si decide a tavolino di fondere due Aziende, B e C, andando a costituire un mastodonte ingestibile, solo per dare soluzione a beghe di palazzo, almeno in apparenza. Oltre metà della popolazione di Roma si trova di fronte alla prospettiva di un dissennato accorpamento apparentemente finalizzato solo a ridurre non meglio identificate ‘poltronè che il Presidente della Giunta dichiara di voler tagliare. Ci si trova davanti a soggetti che confondono le ‘poltronè della politica coi posti di lavoro degli operatori della sanità medici, infermieri che quotidianamente provano, nonostante questo livello di palese incompetenza, a dare assistenza ai cittadini». Per il segretario «la sanità del Lazio, con questi metodi, è purtroppo destinata al degrado. In questa situazione una sola azione annunciata ci pare positiva e cioè quella di ricondurre a legittimità il percorso intrapreso, portando alla valutazione del Consiglio Regionale del Lazio il disastroso modello di riorganizzazione delle Asl della Regione scritto dal Commissario. Ridare voce alle forze politiche e quindi ai territori può dare una svolta a una situazione con un diretto coinvolgimento anche dei rappresentanti degli operatori sanitari. Anaao Assomed, insieme alle Confederazioni, ritiene di poter avere le carte in regola per svolgere un ruolo costruttivo».

Ti potrebbero interessare anche:

STAMINA/ Famiglie dei pazienti di Brescia diffidano i medici: 'Non aderite allo sciopero bianco'
Sedentasrietà è patologia, il servizio sanitario la riconosca
Il caso Marò all'Aja, l'Italia chiede il rientro di Girone
Subiaco, inaugurato da Zingaretti il reparto di lungodegenza dell’ospedale Angelucci
CAMPIDOGLIO/ Romeo, non c'è nessuna guerra
Barricate e scontri a Barcellona, mezzo milione nelle strade



wordpress stat