| categoria: sanità, Senza categoria

Il sistema va in pezzi, i medici italiani proclamano la mobilitazione generale

Giorni di fuoco per i sindacati dei medici e degli odontoiatri (Fnomceo). Mentre a far sentire la loro voce sono state, venerdì scorso, le Società Scientifiche, oggi, sono i Sindacati e Associazioni di Medici e Odontoiatri ad alzare i toni. «La parola d’ordine è una e una sola: i medici italiani, in tutte le loro declinazioni e rappresentanze, proclamano lo stato di mobilitazione generale», si legge in una nota. L’obiettivo è «riaffermare con forza, nei confronti della Politica, il ruolo di interlocutori istituzionali. »Basta con i tagli. È l’ora che il Presidente del Consiglio, così come ha annunciato di voler cancellare Imu e Tasi, dica agli italiani, una volta e per tutte, se intende o no mantenere in vita il Sistema Sanitario Nazionale – equo, solidale e universalistico – implementando i livelli di assistenza« prosegue la nota. Secondo l’associazione, sono tre, nell’immediato, i punti su cui daranno sicuramente battaglia: »La modifica del Titolo V che, creando una frammentazione di competenze tra Stato e Regioni, ha fatto aumentare la spesa sanitaria e le diseguaglianze tra i cittadini delle diverse Regioni; la coerenza tra il numero di iscritti alle facoltà di Medicina, gli accessi alle Scuole di Specializzazione e gli ingressi nel mondo del lavoro, a garanzia di una Formazione di qualità, e di un inserimento dignitoso dei giovani nel mondo del lavoro; la netta opposizione a un definanziamento lineare del Sistema Sanitario, che si traduce in una mera riduzione delle prestazioni erogate ai cittadini e in un netto peggioramento delle condizioni di lavoro dei professionisti e della sicurezza delle cure. «Dobbiamo lavorare per un approccio nuovo alla Sanità – ha detto il Presidente della Fnomceo, Roberta Chersevani – che non consideri più l’efficienza e l’equità come due concetti che viaggiano su binari contrapposti. Al contrario, devono procedere di pari passo, a sostegno dei principi di una professione equa, solidale e universalistica». La Fnomceo indice pertanto gli «Stati generali della Professione medica e odontoiatrica» per il mese di ottobre e promuove un’iniziativa nazionale nel mese di novembre, a difesa di un Sistema Sanitario che risponda ai bisogni di salute dei cittadini.

Ti potrebbero interessare anche:

Effetto-Marino, si moltiplicano le bici. Ma è caos: Roma non è Ferrara, mancano piste e parcheggi
Mosca, corteo anti-immigrati. Scontri e arresti
RUBY/ Al via il dieci marzo il processo in Cassazione per Berlusconi
Profughi, flusso inarrestabile. Nel Veneziano ne arrivano altri 500
Asolo, ritrovata incendiata l'Audi gialla
VACCINI/ Per il Consiglio di Stato è legittimo l’obbligo per l’accesso all’asilo



wordpress stat