| categoria: Roma e Lazio

Mazzette ai funzionari Asl, arrestato imprenditore latitante

Gli uomini del Nucleo Speciale Anticorruzione della Guardia di Finanza di Roma, nell’ambito dell’inchiesta denominata Vitruvio, che aveva portato all’applicazione di 43 ordinanze di misure cautelari personali già a partire dall’inizio anno, hanno arrestato all’aeroporto di Fiumicino D.A., imprenditore romano latitante. D.A. si era reso irreperibile nel corso delle precedenti operazioni di polizia disposte dalla Procura della Repubblica capitolina. L’arrestato dovrà ora rispondere delle accuse di corruzione per aver corrisposto tangenti a funzionari dell’Asl incaricati di eseguire controlli nei suoi cantieri. I militari del Nucleo Speciale Anticorruzione avevano già segnalato all’autorità giudiziaria che l’imprenditore si era da poco trasferito a Tenerife, per cui per il suo arresto si è reso necessario il ricorso alle procedure del mandato di cattura europeo. D.A. è stato affidato ai finanzieri dagli uomini del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del ministero dell’Interno e condotto agli arresti domiciliari.  Coinvolti anche funzionari in servizio presso l’Ispettorato edilizio del XIV Municipio di Roma Capitale e aveva messo in luce un vasto sistema di malaffare e di corruzione, basato su sistematici accordi illeciti tra imprenditori e funzionari pubblici, i quali, in cambio di denaro o altra utilità, omettevano e compivano atti contrari ai doveri d’ufficio.

Ti potrebbero interessare anche:

Dossier radicale sul Consiglio regionale: è costato 5,4 milioni a seduta
CAMPIDOGLIO/ L'opposizione propone 17 delibere di urbanistica
Rom «finti poveri», in 57 a processo
Causi: una trentina le case occupate da esponenti delle criminalità organizzata
ELETTORANDO/ Caccia agli incerti. Giachetti mobilita anche Bersani, Marchini anti tasse
Riaperta la Pontina in direzione Roma. Ma non è finita, week end a rischio. E indaga la Procura



wordpress stat