| categoria: sanità

Al via in quattro ospedali laboratori creativi per baby ricoverati

Disegni e giochi per accendere la creatività e il sorriso dei bambini anche nelle corsie di ospedale. È quanto si propone l’iniziativa promossa dal Gruppo Bracco in collaborazione con Fondazione Abio Italia, che porterà i laboratori creativi del metodo ‘Bruno Munari’ nei reparti pediatria di quattro strutture ospedaliere italiane. I laboratori prendono il via domani, martedì 22 settembre, all’ospedale Santobono di Napoli, per poi raggiungere le altre strutture. Il 7 ottobre saranno all’ospedale San Paolo di Milano, il 13 al Sant’Antonio Abate di Cantù e il 20 al Guglielmo da Saliceto di Piacenza. I laboratori sono realizzati da Michela Dezzani con il coordinamento locale dei volontari Abio, mentre l’iniziativa è collegata al concorso disegnami.it di Bracco che quest’anno, in occasione di Expo Milano 2015, è dedicato al tema ‘Mi sento bene quando mangio… i cibi buoni che mi fanno bene’ e vuole stimolare bambini e ragazzi fino a 14 anni a illustrare il proprio rapporto con il cibo, disegnando o fotografando l’alimento o il piatto che li fa sentire bene. Tra gli anni Settanta e Novanta, Bruno Munari progettò laboratori per i bambini delle scuole materne, elementari e medie inferiori, sia in Italia sia all’estero, in musei, biblioteche e centri privati. Mise a punto un metodo che, attraverso il gioco basato su regole da conoscere, trasgredire e variare – e in base al caso – permettesse di far sperimentare e di far scoprire combinazioni impensabili con la logica. I Laboratori furono pensati e realizzati per essere luoghi adatti ad «allenare e stimolare il pensiero progettuale creativo». «Come lo scorso anno abbiamo voluto affiancare Fondazione Abio in questa iniziativa che dà la possibilità anche ad alcuni bambini ricoverati in ospedale di partecipare ai laboratori creativi legati al nostro concorso disegnami.it», afferma Hilke Baasch, direttore del dipartimento Farma Bracco. «Ci è sembrata una scelta giusta e doverosa per portare un po’ di allegria e serenità in alcuni reparti pediatrici di Milano, Napoli, Cantù e Piacenza. Peraltro la nostra esperienza ci insegna che mettendo i bambini al centro dell’attenzione e stimolando la loro creatività si ottengono risultati eccezionali; più di 2.300 piccoli artisti hanno, infatti, già caricato i loro disegni sul sito del concorso». Vittorio Carnelli, presidente di Fondazione Abio Italia Onlus afferma: «Ogni giorno i volontari Abio, in più di 200 reparti di pediatria di tutta Italia, sono accanto ai bambini e alle loro famiglie: gioco, fantasia e disegno sono elementi essenziali per il benessere del bambino in ospedale. Ringraziamo di cuore il Gruppo Bracco e tutti coloro che hanno contribuito a questa iniziativa». ‘Mangiare con gli occhi’ è il titolo dei laboratori proposti che saranno un’occasione per sensibilizzare bambini e ragazzi alle tematiche legate all’alimentazione e al concetto di energia creativa. Un’indagine nel mondo del cibo escludendo il senso del gusto, ma approfondendo tutti gli altri sensi, un banchetto il cui scopo è quello di liberare la fantasia. Nei laboratori i bambini, insieme ai loro genitori, si eserciteranno a considerare il pasto come un’esperienza totale che coinvolge tutti i sensi. Si potrà giocare con il morbido e con il duro, con il liquido e con il solido, con il caldo e con il freddo, con il leggero e con il pesante. I partecipanti saranno invitati a declinare il mondo delle forme e dei colori del cibo e a gustare visivamente i cibi messi in scena.

Ti potrebbero interessare anche:

Giornata mondiale contro il cancro: 4 miti da sfatare
Boom di piccoli ospedali in Italia, il 33% delle strutture ha meno di 120 posti letto
Oltre 22 mila morti in 3 anni per infezioni ospedaliere in Italia
Vaccini-autismo, l'avvocato: ''In arrivo decine di esposti''
Ecco i nuovi Lea: entrano epidurale, procreazione medicalmente assistita, screening neonatali e Ict...
Long-Term Care, a luglio gli stati generali dell’Assistenza a lungo termine



wordpress stat