| categoria: attualità

RIFUGIATI/ Kerry Usa pronti ad accogliere una quota extra di 30mila persone in due anni

La crisi politica provocata dalla questione rifugiati, che sta spaccando l’Europa, comincia a fare il suo effetto anche oltre oceano. Il segretario di Stato americano John Kerry, in visita a Berlino per discutere con i vertici tedeschi delle possibili risposte alle ultime ondate migratorie, ha infatti annunciato che gli Stati Uniti accoglieranno 30 mila rifugiati in più nei prossimi due anni. La quota di persone in fuga da guerra e persecuzioni accolta negli Usa salirà da 70 a 85mila il prossimo anno per arrivare a 100milla nel 2017.

Il segretario di Stato di Obama ha quindi spiegato che Washington lavorerà per trovare il modo di innalzare ulteriormente questo limite negli anni successivi e che questa politica sarà accompagnata da “contributi finanziari per gli sforzi umanitari”.

Poche ore prima la candidata democratica Hilary Clinton aveva sostenuto che gli Usa dovessero impegnarsi ad accogliere almeno 65mila siriani rispetto alla quota di diecimila proposta da Obama. “Stiamo affrontando la peggiore crisi di rifugiati dalla fine della seconda guerra mondiale – ha detto l’ex segretario di Stato – gli Stati Uniti dovrebbero fare di più”.

Ti potrebbero interessare anche:

Il fisco "gela" Maradona: il debito non è estinto
Promossi e rimossi, giro di nomine in Vaticano
Renzi: 'Durissimo lavoro da fare. Investire sulla scuola'
De Luca assolto attacca la Bindi, altro che impresentabile
Terremoto nel Mugello, magnitudo 4.5
Coronavirus: Parte gara test immunità, 8 requisiti e consegne da 3 maggio



wordpress stat