| categoria: Dall'interno

Un altro caso Casamonica a Torino? In centinaia al funerale del capo rom

Rischiano di diventare un caso, come i funerali di Casamonica, le esequie a Torino di Sadko Salkanovich, 51 anni di origini bosniache, tra le principali figure dei rom di religione musulmana del campo nomadi di strada dell’Aeroporto. La famiglia, che ha già fatto sapere di voler essere accostata ai Casamonica, è in attesa dell’arrivo dei parenti dalla Bosnia – alcune centinaia di persone – e per motivi di ordine pubblico potrebbe essere negare l’autorizzazione al corteo funebre dall’ospedale al campo nomadi e poi al cimitero. A sollevare la polemica è stato il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale, Maurizio Marrone. «In quel campo nomadi – attacca – l’81% dei residenti ha precedenti penali e noi esigiamo il rispetto del regolamento comunale che prevede fra i motivi di revoca di assegnazione di un posto in campi comunali le condanne per reati gravi e recidive. Chiedo inoltre alla Questura di impedire questi funerali di massa». «Siamo al corrente di questo funerale (forse mercoledì, ndr) e c’è un’interlocuzione continua fra noi, la famiglia e la Questura – sottolinea l’assessore al Polizia Municipale, Giuliana Tedesco -: lavoriamo affinché tutto si svolga in tranquillità, nel rispetto di ciascuno e della legalità».

Ti potrebbero interessare anche:

STATO-MAFIA/ Il pm va avanti ma la assoluzione di Mannino pesa
Guida col braccio fuori dal finestrino: 85 euro di multa e un punto decurtato
Sono 400 milioni le uova consumate durante lai Settimana Santa
QUI VITERBO/ Arena (centro destra) lancia la sfida per il ballottaggio: guardiamo all'Europa
Che fine fanno i regali di Natale indesiderati? Un italiano su 5 li ricicla
Stuprata dal branco, il Questore revoca licenza al Factory Club



wordpress stat