| categoria: esteri

Svolta in Colombia: governo sigla un accordo con le Farc

La guerriglia armata più longeva ell’America Latina sembra davvero a un passo dalla conclusione. Grazie auna soluzione negoziata: dopo la firma di un accordo fra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), le due parti si sono infatti accordate per arrivare ad una intesa finale entro il 23 marzo del 2016. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos e il comandante delle Farc Timoshenko (vero nome Rodrigo Londono Echeverri) lo hanno confermato durante una cerimonia all’Avana, in presenza del presidente cubano Raul Castro, nella quale è stato annunciato un accordo sulla delicata questione delle conseguenze giudiziarie del conflitto. L’accordo siglato prevede un’ampia amnistia per i delitti politici e la creazione di una “giurisdizione speciale per la pace” – integrata da magistrati colombiani, ma con l’assistenza di giuristi stranieri – che dovrà processare gli imputati per gli altri crimini, compresi quelli di lesa umanità. “E’ la prima volta nella storia che un governo e un gruppo armato illegale creano un sistema di questo tipo, dentro al proprio sistema giudiziario nazionale”, ha detto Santos, sottolineando che comunque l’accordo sarà sottoposto alla volontà degli elettori colombiani.

Ti potrebbero interessare anche:

Dopo i problemi alla schiena Putin torna alle attività sportive
AFGHANISTAN/ Il Governo attacca il Pakistan: 'E' dietro l'attentato a Kabul'
Sudafrica, ancora sangue a Marikana
Nigeria, strage di Boko Haram: si temono duemila morti
Libia, Leon: "Pronto il governo di unità nazionale"
Gentiloni da Hollande: "Rilanciamo l'Ue, priorità crescita e lavoro"



wordpress stat