| categoria: attualità

Carte di credito clonate: il racket in mano a Cosa Nostra

Spunta l’ombra di Cosa Nostra dietro alla truffa delle carte di credito clonate che all’alba di oggi ha portato a Palermo all’arresto di 24 persone. Ne sono convinti gli investigatori che hanno condotto l’inchiesta coordinata dal Procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. Alcuni dei fermati nell’operazione ‘Free money’ della Polizia di Stato sono ritenute «contigue a famiglie mafiose palermitane». Non è, quindi, escluso, che la clonazione dei carte di credito possa essere un nuovo «canale di approvvigionamento della mafia». La banda criminale si sarebbe rivolta ad alcuni hacker di fiducia che rubavano i codici delle carte di credito di ignari cittadini provenienti da Usa, Francia, Germania e Danimarca.

Ti potrebbero interessare anche:

GIORNALISTI/ "I vertici della Federazione abbandonano la nave che affonda"
IKEA/ 1 - Ritirate torte contaminate da batteri fecali in 23 paesi
IL FATTO/ Dieci giorni di cortei a Roma. E'allarme rosso, infiltrati in agguato
FRANCIA/ La condanna del Papa: la violenza non risolve nulla
GROUND ZERO/ L'ira delle famiglie delle vittime, non è una festa politica
Conte: «fermarla costa troppo, la Tap si farà,»



wordpress stat