| categoria: attualità

Carte di credito clonate: il racket in mano a Cosa Nostra

Spunta l’ombra di Cosa Nostra dietro alla truffa delle carte di credito clonate che all’alba di oggi ha portato a Palermo all’arresto di 24 persone. Ne sono convinti gli investigatori che hanno condotto l’inchiesta coordinata dal Procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. Alcuni dei fermati nell’operazione ‘Free money’ della Polizia di Stato sono ritenute «contigue a famiglie mafiose palermitane». Non è, quindi, escluso, che la clonazione dei carte di credito possa essere un nuovo «canale di approvvigionamento della mafia». La banda criminale si sarebbe rivolta ad alcuni hacker di fiducia che rubavano i codici delle carte di credito di ignari cittadini provenienti da Usa, Francia, Germania e Danimarca.

Ti potrebbero interessare anche:

PROCESSO DELL'UTRI/ Quella cassata da 11 chili mandata dal boss a Berlusconi
Erri De Luca confessa: "Ho partecipato ai sabotaggi No Tav"
EDITORIA/La Repubblica oggi esce senza firme
Emergenza immigrazione, nella notte soccorsi quasi tremila
Libertà di stampa, l'Italia perde 24 posti in classifica
AMIANTO/ Processo Olivetti, 5 anni e due mesi ai fratelli De Benedetti: condannato anche Passera, as...



wordpress stat