| categoria: politica

Senato, al via oggi le prime votazioni sul ddl Boschi. Restano 383mila emendamenti

Al via oggi pomeriggio le votazioni sul ddl Boschi in Senato, con l’obiettivo di arrivare all’approvazione il 13 ottobre. Ma sul campo restano ben 383.500 emendamenti. Perciò il governo, pur “ottimista” sul traguardo finale, si dichiara non del tutto soddisfatto dalla decisione di Grasso di tagliate gli oltre 89 milioni di emendamenti della Lega: “E’ stato posto un limite al sabotaggio – osserva il sottosegretario Luciano Pizzetti – ma l’ostruzionismo rimane”. “Se Berlusconi decide di votare la riforma sono contento ma se non vota per me non cambia nulla perché vinceremo”, dichiara Matteo Renzi, ribadendo tranquillità sui numeri. L’obiettivo sarà centrato: non ci sono subordinate per il premier che domani, al ritorno da New York, tratteggerà le linee di politica economica nel question time alla Camera e avvierà la fase finale del lavoro sulla legge di stabilità. Ma a Palazzo Madama governo e Pd tengono alta la guardia. Perché gli ostacoli da superare sono numerosi: dai voti segreti, che già domani, sull’articolo 1, potrebbero far gola ai “malpancisti” della stessa maggioranza, alle proposte ostruzionistiche.

Ti potrebbero interessare anche:

PROFILO/ Cantone, da pm anticamorra a nemico dei corrotti
Napolitano striglia le Camere, presto le nomine per Consulta e Csm
Corte dei Conti: le Regioni truccano i bilanci
Minoranza Pd apre il contenzioso sulla manovra, parte la "cosa rossa"
Unioni Civili e adozioni gay, si riaccende lo scontro
Frase su giovani all'estero,Poletti chiede scusa in Senato



wordpress stat