| categoria: turismo

Cinque terre al collasso, petizione per contingentare turisti

Più belle di così e così fragili la natura non poteva farle tanto che, come nel mito, periodicamente cerca di distruggere tanta bellezza con frane e alluvioni, l’ultima devastante nel 2011. Ma le Cinque Terre non soffrono il vento che le percuote tutto l’anno né il mare che ha fatto loro paura nel 2011, quando l’alluvione e le trombe marine le hanno frustate fino a sfinirle. Hanno più paura di un turismo irresponsabile e divoratore, il turismo fast che passa e distrugge, quello maleducato che sporca e se ne va. 4 mila ettari di terra a strapiombo su un mare di zaffiro e 2 milioni e mezzo di turisti: insostenibile, dicono i residenti. Per il territorio e per chi ci vive. E così proprio un gruppo di cittadini ha fatto partire la petizione sul web. L’appello per salvare il patrimonio Unesco e Parco nazionale è chiaro: “Le Cinque Terre non possono sostenere il gran numero di turisti che stanno venendo nei villaggi. Il primo passo verso una soluzione è quella di controllare e limitare l’afflusso dei grandi gruppi”.

Sui social le lamentele dei residenti e all’indice la maleducazione dei crocieristi che “la fanno nei portoni come se gli atri delle case fossero wc”, che lasciano in giro “tonnellate di sudiciume” e che “non spendono un euro nei negozi”. Ma dal Porto di Spezia, dove attraccano le navi da crociera che portano turisti alle Cinque Terre, dicono che è l’effetto della celebrità e che incontri vengono organizzati per indicare le buone maniere a chi sceglie di visitare quel territorio speciale. L’assalto, paragonabile a quello di Venezia, quest’anno ha visto un +15% di arrivi. E i residenti accusano il Parco: “parla di limitare i flussi e vende biglietti senza limite, in un giorno a Vernazza 8 mila visitatori”. On line la richiesta è quella di firmare la petizione “in modo che il Parco Nazionale e i funzionari locali abbiano la prova che la comunità mondiale ha un forte interesse per la sopravvivenza di questi villaggi”. La risposta è stata immediata: sottoscrizioni da tutto il mondo, dal Canada a Los Angeles passando per la Norvegia.

I più arrabbiati sono i residenti: “Non vogliamo emigrare”, scrivono. “Per sensibilizzare le istituzioni alla nostra causa la petizione va bene – ha detto il presidente dell’Ente Parco Vittorio Alessandro – ma è necessario valorizzare tra i turisti quelli più responsabili. Abbiamo aderito alla carta europea del turismo sostenibile e ottenuto l’approvazione di Europe Park, porteremo il nostro progetto a Napoli dal 1 al 3 ottobre dove si tengono gli Stati generali del turismo sostenibile. Ma per affrontare questo problema abbiamo bisogno dell’aiuto e della collaborazione di tutti”.

Come quello dell’Autorità portuale. “Sono mesi che cerchiamo un incontro con l’authority – ha detto il sindaco di Riomaggiore Franca Cantrigliani -, è necessario sapere quando e quanti sono i crocieristi che scendono alle Cinque terre, per quanto tempo restano. Insomma dobbiamo avere più dati possibile”. Alessandro, che da presidente del Parco 5 Terre ha avuto l’idea di trasformare i turisti in viticoltori perché meglio possano apprezzare la bellezza e la difficoltà del lavoro in una vigna in verticale sul mare, pensa a un turismo che possa ‘restituire’ in parte la bellezza che riceve. In modo che chi viene alle 5 Terre in vacanza “possa capire questo territorio”. Una terra aspra, nata così per una bizza della natura che milioni di anni fa ha fatto scontrare le faglie geologiche toscane e quelle liguri creando così la magia di un territorio irripetibile.

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia: una Storica da brivido vinta dal Marrone dei Vignotto
Marsiglia "trendy" in primavera
Giochi di guerra in Abruzzo. Il "Risiko" più grande del mondo
Toscana premiata alla Bit per sei strutture turistiche
Festa dei Piccoli Comuni: alla scoperta dei tesori d’Italia
Copenaghen low cost per un week end d'autunno



wordpress stat