| categoria: sanità Lazio

S.Andrea, non andate al Pronto Soccorso “causa lavori Giubileo”

«Ecco arrivato finalmente il Giubileo dei romani. Tra assessori che bestemmiano e un Sindaco imbucato che dice al Pontefice cosa dire e non dire, ecco la realtà di una città che è allo sbando, anche sotto il profilo dell’assistenza sanitaria. Dopo lo scandaloso cartello affisso al San Camillo in cui si rimandavano al 2016 gli interventi a causa dell’indisponibilità della sala operatoria, ecco spuntare il cartello del Sant’Andrea che invita a non andare al Pronto Soccorso causa lavori per il Giubileo». È quanto dichiara, in una nota, Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e membro della commissione Sanità. «Il primo curioso messaggio – aggiunge Santori – appare su di un jumbo screen del Grande Raccordo anulare, il secondo invece prima di arrivare al Pronto Soccorso sotto un cartello di indicazioni stradali. Così mentre magari un cittadino cerca di raggiungere urgentemente il Pronto Soccorso più vicino, si trova di fronte un cartello che nella sostanza invita a fare retromarcia e a trovare un altro centro di primo soccorso». «Il tutto – conclude il consigliere regionale del Lazio – in un quadrante completamente isolato dove di alternative in termini di assistenza sanitaria ce ne sono ben poche. È questa la sanità del presidente Zingaretti? È questo uno degli ospedali che doveva rappresentare una punta di eccellenza e che invece continua ad essere coinvolti in scandali continui, non in ultimo quello riguardante gli appalti sulle camere mortuarie? È questa la città che vogliamo offrire ai romani per il Giubileo? Una vergogna».

Ti potrebbero interessare anche:

Liste d'attesa, Zingaretti firma: alle Asl 60 giorni per rendere operativo il piano
CEM/I lavoratori sui ponteggi per difendere il lavoro e i malati
Emergenza a Villa Aurora, intervenga la Regione
Inaugurato nuovo blocco operatorio all'Ifo: più interventi e più sicurezza
CONTRADDIZIONI/ Zingaretti, non siamo ancora maturi per avere un assessore alla sanità
Aborto: in Italia 7 ginecologi su 10 sono obiettori



wordpress stat