| categoria: sport

Mancini, dopo l1-1 potevamo anche vincere

Il pareggio 1-1 sembra soddisfare entrambi i tecnici di Sampdoria e Inter. «Sono contento – ha spiegato in sala stampa Roberto Mancini -, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile perché la Sampdoria è un’ottima squadra. Abbiamo concesso degli spazi nel primo tempo e la Sampdoria ci ha creato difficoltà, ma era quello che dovevamo fare: giocare alti cercando di trovare spazi che non abbiamo trovato. Li ha trovati invece la Samp. Nel secondo tempo dopo il gol credo che la partita sia totalmente cambiata e sarebbe potuto succedere qualunque cosa, però alla fine credo che sia giusto così». «La Sampdoria era chiusa benissimo nella propria metà campo e i due interni dovevano cercare spazi per non concedere il contropiede – ha spiegato Mancini -. Oggi è stato importante aver fatto bene il secondo tempo. Abbiamo avuto il 65% di possesso palla e 9 tiri a 5 in porta. Chiaro che poteva succedere di tutto ma potevamo andare sotto 2 -0 con il contropiede di Muriel nel secondo tempo. Però quando devi cercare di fare gol alla fine devi anche rischiare». La Sampdoria ha sorpreso i nerazzurri soprattutto sul gol, ma l’errore per Mancini non è dei suoi difensori. «Sono partiti dalla loro area, poi il cross era difficile. Il problema è che sono arrivati facilmente sulla trequarti, da lì poi hanno giocato sull’ esterno. Ma in questi casi la palla non deve arrivare sulla trequarti e per questo sono stati bravi quelli della Samp». Soddisfatto anche Walter Zenga. «Abbiamo fatto, anzi – ha sottolineato il tecnico blucerchiato rendendo merito ai suoi giocatori – hanno fatto una grande partita. Hanno giocato bene, determinati, cattivi e hanno creato grandi occasioni. Il gol subito è rocambolesco ma sono felice perchè si è giocato con grande personalità». La Sampdoria sull’uno a zero ha sfiorato il raddoppio, ma Muriel non ha chiuso la gara. «Quando hai delle occasioni come quella di Muriel con un diagonale che esce di 2 centimetri non ti puoi arrabbiare più di tanto. Ha fatto un’azione splendida e una conclusione quasi perfetta. L’errore di Correa? Io vedo il bicchiere mezzo pieno: Handanovic ha fatto una grande parata e la palla gli è rimasta sul sinistro, in maniera anomale. È vero che ha sbagliato ma è stato bravo ad essere li in quella situazione, vedrete che farà tanti gol e tanti assist».

Ti potrebbero interessare anche:

CONI-1/ Si sceglie l'erede di Petrucci, sprint Pagnozzi-Malagò
Doping nel mondo del baseball, Rodriguez squalificato per 211 gare
SCI NORDICO/ Italia sorride, De Fabiani trionfa a Lathi
Europa League da incubo, la Fiorentina ne prende tre dal Siviglia
Lazio, dieci minuti per vincere. Il Sassuolo si arrende
Italia-Argentina, prove di 4-3-3 con emergenza in difesa



wordpress stat