| categoria: sanità Lazio

SERVIZI/ Farmaci ad personam per i malati oncologici al S.Giovanni Addolorata

SERVIZI/ I laboratori inaugurati dall’Azienda Sanitaria S.Giovanni AddolorataUna nuova struttura produce farmaci contro i tumori con una logica che innalza incredibilmente la qualità, l’efficacia della cura e l’attenzione nei confronti del paziente, e che limita nel contempo gli sprechi. Inaugurato anche il nuovo laboratorio di medicina trasfusionale, un’area di 750 mq che comprende anche la biobanca delle cellule staminali e terapie cellulari a servizio del Reparto di Ematologia
di Francesco Vitale

Certo non tutto funziona ancora a dovere, i limiti di una sanità ospedaliera che cambia e che si proietta verso il futuro sono ancora evidenti, ma non c’è dubbio che l’Azienda Ospedaliera S.Giovanni Addolorata stia procedendo a grandi passi verso un livello di offerta di servizi di indubbia eccellenza. Come il nuovo laboratorio per produrre farmaci contro i tumori, appena inaugurato, uno dei più avanzati d’Italia. Il servizio introduce concetto dei farmaci ad personam, che innalza incredibilmente la qualità, l’efficacia della cura e l’attenzione nei confronti del paziente, e che limita nel contempo gli sprechi, perchè si produce ciò che occorre, quindi non si compra e poi si utilizza, ma soprattutto si elimina il problema dello smaltimento dei rifiuti medici che hanno un costo altissimo. Il laboratorio si inserisce in un contesto davvero avveniristico se rapportato allo standard medio dell’ospedalità italiana.

C’è il nuovo laboratorio di medicina trasfusionale, che nasce dall’esigenza di unificare tutte le strutture già esistenti, ma dislocate su più edifici dell’intero complesso ospedaliero Un’area di 750 mq che comprende sia il sevizio di medicina trasfusionale che la biobanca delle cellule staminali e terapie cellulari a servizio del Reparto di Ematologia. L’intervento è stato realizzato in 70 giorni, con finanziamenti in conto capitale destinati dalla Regione Lazio per oltre un milione di euro. Il laboratorio si presenta maggiormente tecnologico e soprattutto funzionale con migliori spazi per gli operatori sanitari. Il progetto prevede accessi e percorsi dedicati per le attività aperte all’esterno (accettazione o riconsegna campioni e servizio di Emaferesi Terapeutica) separate dagli accessi dedicati alle attività dei laboratori. Circa 40 mq sono dedicati alle terapie con due posti letto, servizio igienico dedicato e di separatori cellulari di ultima generazione. Per quanto riguarda i laboratori, invece, saranno presto operativi quelli dedicati alle attività di diagnostica immunoematologica per donatori di sangue e pazienti, pensati per ottimizzare l’efficienza e l’efficacia dei flussi di lavoro e dotati di tecnologie avanzate per la completa automazione analitica e la tracciabilità dei risultati.

Tutto il reparto è dotato di impianto di climatizzazione centralizzato, telecontrollato e tele gestito da remoto. Grande importanza è stata data, inoltre, alla gestione degli allarmi, che prevedono un impianto di rilevazione incendi e uno di allarme di sottossigenazione e presenza di gas tossici. Nel reparto sono presenti, infine, i locali di supporto necessari all’attività: sala medici, capo tecnico, tecnici di guardia, medico responsabile, sosta del personale, medico di guardia, servizi igienici per il personale, locali di stoccaggio materiali d’uso e delle attrezzature e per il materiale sporco e pulito. Uno spot notevole per il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che ha parlato di «un salto di qualità per la vera difesa del diritto alla salute, con un laboratorio all’avanguardia rispetto ai parametri italiani». Il San Giovanni, anche grazie ai lavori che stanno rendendo più funzionale il vecchio Pronto Soccorso, si candida sempre più ad essere un polo centrale di Roma e del Lazio. L’impatto con la lunga emergenza del Giubileo sarà a questo proposito un test di estremo interesse.

Ti potrebbero interessare anche:

Alemanno: il nuovo commissario Palumbo disponibile ad un incontro
Ugl denuncia, al San Raffaele continue minacce ai nostri sindacalisti
FORLANINI/ Sedicenne trovata morta, si indaga per istigazione al suicidio
Edoardo Alesse nuovo Direttore Generale della Fondazione Santa Lucia Irccs
ASL ROMA 1 / AL VIA I LAVORI DI RESTAURO DELLE CORSIE SISTINE
Asl di Rieti, il 31 ottobre parte il nuovo ambulatorio di Nefrologia



wordpress stat