| categoria: In breve, Senza categoria

Torna la transumanza sulle vie degli antichi pastori

Torna la transumanza sulle vie degli antichi pastori. Il 29 settembre è partita da L’Aquila la nona edizione del cammino sull’antico tracciato di 244 km del Tratturo Magno, il principale dei 5 regi tratturi che solcano le regioni Abruzzo, Molise e Puglia. Dopo le prime tappe nelle province dell’Aquila e di Pescara, il 2 ottobre, la carovana dei transumanti di Tracturo 3000 è giunta nella provincia di Chieti. «La Camera di commercio di Chieti accoglie il cammino sul Tratturo Magno – afferma Roberto di Vincenzo, presidente dell’ente camerale – in forza dell’iniziativa di promozione ‘Le Vie dei Tratturi’, progetto con il quale invitiamo le imprese ricettive, agricole e ristorative a far parte di una rete di operatori pronti a offrire un’accoglienza alle diverse tipologie di turismi interessati ai percorsi naturalistici, dei cammini e culturali». «Di recente – ricorda – anche l’Unesco ha ricevuto la richiesta di riconoscimento delle ‘Vie e Civiltà’ della Transumanza, su iniziativa dei Gal, a patrimonio immateriale, con chiari, possibili benefici per tutti i territori che mantengono i segni, materiali e storici, dell’antica transumanza». Con la quinta tappa sabato 3 ottobre, il cammino ha previsto il tradizionale incontro con i sindaci, le comunità locali e gli operatori di Giuliano Teatino, Canosa Sannita, Arielli e Poggiofiorito. Nel pomeriggio, l’arrivo a Lanciano, località Santa Liberata, con i pifferari ad accogliere i camminatori già carichi dei 150 km percorsi. La sera, con l’organizzazione dell’Associazione Nuova Gutemberg di Lanciano e altre associazioni frentane, il borgo di Lancianovecchia ha accolto i transumanti. Domenica 4 ottobre, per la sesta tappa, partenza da Lanciano, pranzo a Torino di Sangro, e nel pomeriggio l’arrivo al mare di Casalbordino, per una festa sulla spiaggia, e poi subito direzione Vasto, località San Lorenzo. Nella settima tappa, lunedì 5 ottobre, transito per San Salvo con finale di tappa a Petacciato, nel vicino Molise. L’8 ottobre l’arrivo a Foggia, antico crocevia del sistema tratturale del Mezzogiorno.

Ti potrebbero interessare anche:

Pdl al contrattacco, grazia al Cavaliere o elezioni
RIFIUTI FIUMICINO/Montino, troppe famiglie senza mastelli
Umberto I caos, le partorienti sulle barelle nei corridoi?
FOTOCHOC/ Donne yazidi e cristiane vendute al mercato come bestie
Ostia, ristorante in fiamme nella notte. Rogo doloso?
Gli italiani scampati alla strage: «Sparava come un pazzo, noi vivi per miracolo»



wordpress stat