| categoria: primo piano, Senza categoria

Canone Rai in bolletta, coro di no. Incostituzionale. Operazione impossibile?

Torna l’idea dell’opzione bolletta per pagare il canone Rai. Una misura in pista già lo scorso anno, che poi fu accantonata. Il prossimo anno il canone Rai costerà meno, 100 euro, ma lo dovranno pagare tutti, ha annunciato ieri il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervistato ieri a «In 1/2 ora» da Lucia Annunziata su Rai 3, parlando di una delle tasse più odiate dagli italiani. «Una delle misure contenute nella legge di stabilità – ha detto ieri – è che noi riduciamo il canone Rai e contemporaneamente diciamo che lo devono pagare tutti. Ci sarà un meccanismo che permetterà a tutti di pagare, pensiamo a metterlo in bolletta, ma invece che 113 euro il prossimo anno costerà 100 euro. Chi paga ed è onesto paga meno». L’opzione bolletta consentirebbe di ridurre notevolmente, quasi azzerare, l’evasione (vicina al 30%) che ammonta al circa 500 milioni di euro e che quest’anno potrebbe salire – secondo le previsioni di viale Mazzin – a 600 milioni. Fra le ipotesi una progressività del canone, legata all’Isee o al tipo di abitazione. Si esamina anche un’esenzione per le fasce più basse. La tassa non sarebbe legata al possesso del televisore, ma a quello dei vari device (smartphone, tablet e pc), con cui si può vedere la Rai.
«Il canone Rai nella bolletta elettrica è una operazione impossibile. Non tutti i possessori di un televisore sono possessori di un contratto elettrico e non tutti i possessori di un contratto elettrico sono possessori di un televisore. Sbagliato riversare sui produttori di energia elettrica il compito di recuperare il canone per la Rai, perché non ci compete», ha detto il presidente di Assoelettrica, Chicco Testa, intervenendo ad Agorà su Rai3.
Annuncia battaglia il Codacons che ritiene il collegamento del canone Rai alla bolletta elettrica un provvedimento illegittimo e incostituzionale. Per il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, «si tratta di una misura abnorme, una forma di violenza nei confronti degli utenti. L’inserimento del canone in bolletta creerà effetti a valanga con conseguenze per i consumatori e per le imprese elettriche. Un’ulteriore complicazione per chi, non possedendo un televisore, vorrà chiedere l’esenzione dal pagamento, e un caos amministrativo in capo ai fornitori di energia, che si trasformano in esattori. Pensiamo poi al caso delle morosità in bolletta: come distinguere le due voci in caso di mancato pagamento delle fatture?». Il Codacons annuncia una valanga di ricorsi da parte degli utenti contro il canone Rai in bolletta. «È illegale l’idea di addossare sulle bollette elettriche – hanno dichiarato Adusbef e Federconsumatori – l’ennesimo, assurdo, odioso balzello, per far pagare il canone Rai, anche a famiglie, cittadini, consumatori ed utenti che non hanno la televisione, imponendo alle aziende elettriche l’ingrato compito di fungere da esattori».
Fortemente critico anche il presidente della Commissione di Vigilanza Roberto Fico. «Il problema non è l’ammontare del canone – ha detto -. Il problema è garantire l’indipendenza della Rai, se non si parla del cuore del problema, tutto il resto diventa un imbroglio». opo le dichiarazioni di Renzi, immediate le polemiche. Non basta l’idea di uno «sconto» o uno «sconticino», il canone Rai «va abolito, va superato. E occorre anche superare il tabù della privatizzazione», ha dichiarato il leader dei Conservatori e Riformisti, Raffaele Fitto, parlando delle proposte di Matteo Renzi sulla Rai. «Il sistema televisivo – ha detto – è cambiato, e non ha senso rimanere inchiodati agli anni Ottanta o agli anni Novanta. Un punto essenziale (mai praticato finora) è quello di mettere i partiti fuori dalla Rai. Renzi non vuole farlo, e in questo si mostra come l’ultimo dei vecchi partiti, anziché come il primo dei nuovi. Come Conservatori e Riformisti, presenteremo emendamenti di svolta: proprio per abolire il canone, per abolire il tetto pubblicitario, per privatizzare la Rai, insomma per aprire ancora di più il mercato televisivo».Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, affida il suo commento a un post su Facebook. «Quel furbetto di Renzi, per aiutare la sua Rai-TeleRenzi, vuole mettere il canone nella bolletta dell’elettricità. Dovrà pagare anche chi non ha la tivu’? Purtroppo solo la Lega, da anni, si batte per toglierlo. Vista la qualità di tanti programmi, il canone è una truffa».

Ti potrebbero interessare anche:

RICERCA/ Il senso di colpa fa ingrassare
QUIRINALE/ Il metodo Renzi? Dialogo con tutti e niente veti
Sospeso autista Atac che spiegò i ritardi su Youtube
Ricercatori precari senza contratto, giornata di mobilitazione negli Irccs pubblici italiani
Arrivano i rinforzi. Minniti a Foggia sfida la malavita organizzata
Buttiamo cibo per 15,5 miliardi euro annui, 77% in casa



wordpress stat