| categoria: sanità

Influenza in anticipo: primo caso virus A/H3 a Bologna, e’ un’anziana


Il virus A/H3 della nuova influenza stagionale è stato isolato al Policlinico S.Orsola di Bologna. E’ il primo caso in Italia, uno dei primi 5 in Europa. Colpita un’anziana, ricoverata in Geriatria, le cui condizioni sono in miglioramento. E’ in anticipo rispetto all’epidemia stagionale, il cui inizio è previsto a fine novembre. Il Policlinico ha preso tutte le misure per tutelare pazienti, operatori e visitatori. “Il virus A/H3 che abbiamo isolato – spiega Maria Paola Landini, direttore dell’Unità operativa di Microbiologia del Policlinico – rientra in una filiera di virus influenzali noti da tempo. La sua caratterizzazione più precisa è attualmente in corso”. Il virus è stato isolato dal Centro regionale di riferimento per le emergenze microbiologiche che è attivo da anni alla Microbiologia del Sant’Orsola. “La Regione intanto – sottolinea Kyriakoula Petropulacos, direttore generale Sanità e Politiche sociali – ha già provveduto a inviare a tutte le Aziende sanitarie la circolare con le raccomandazioni per la stagione 2015-2016 sulla prevenzione e il controllo dell’influenza: l’avvio della campagna vaccinale è previsto, come ogni anno, nella prima settimana di novembre”. Lo scorso anno l’Emilia-Romagna è risultata fra le regioni più colpite in Italia dall’influenza, con 572.000 casi e un numero di casi gravi (169) molto elevato rispetto agli anni precedenti. Dei 169 casi gravi, 153 hanno riguardato soggetti con patologie a rischio che avrebbe dovuto essere vaccinati; di fatto solo 34 lo erano stati. L’adesione alla campagna vaccinale 2014 è stata molto inferiore rispetto agli anni passati: per questo – sottolinea la Regione Emilia-Romagna – “la circolare regionale invita tutti i soggetti a migliorare l’offerta attiva del vaccino, indicando strategie specifiche”.

Ti potrebbero interessare anche:

Terme italiane a picco, -10% di pazienti in Italia. Ma in Francia sono aumentati del 5%
Fumo nei luoghi pubblici: nuova stretta in Italia
Enti locali, decreto approvato in via definitiva: 180 prestazioni sanitarie a rischio su 1.700
Lorenzin, chi può pagarsi l'antibiotico lo faccia
Celiachia, afte e macchie sui denti sono campanelli allarme
Vaccini, il ministro Fedeli: nessuna proroga per la consegna dei certificati



wordpress stat