| categoria: sanità Lazio

Via libera dai ministeri all’accorpamento delle due Asl capitoline

“Il Ministero della Salute e quello delle Finanze hanno preso atto e recepito quanto previsto del decreto 373 del 3 agosto 2015 con il quale il Commissario ad acta dispone per il territorio di Roma Capitale una nuova articolazione territoriale delle Asl, tra cui l’accorpamento delle Asl Roma B e Roma C, e il contestuale inserimento di questa azione nei Programmi operativi vigenti. In questo modo l’obiettivo diventa vincolante per la Regione Lazio perché ognuna delle norme indicate nel documento programmatorio è funzionale al raggiungimento dell’equilibrio economico. I Ministeri hanno altresì raccomandato che i processi di accorpamento siano accompagnati da un contestuale rafforzamento delle funzioni distrettuali al fine di salvaguardare le funzioni di prossimità e da un adeguato presidio contabile–amministrativo”. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Ti potrebbero interessare anche:

Ricorso al presidente della Repubblica per le Rsa del Lazio?
Ci risiamo, il San Raffaele sventola la minaccia dei 1200 licenziamenti
Porta di Roma, il presidio sanitario nel centro commerciale funziona: 900 interventi in un anno
Anche a Nettuno e Anzio ambulatori aperti nei week end
Ire: fino a dove può arrivare la chirurgia robotica in urologia?
VITERBO/ I "furbetti del cartellino" della Asl in tv a "Quinta colonna"



wordpress stat