| categoria: sanità

Sanità, la scure della Lorenzin: al setaccio i bilanci degli ospedali

Sprechi da almeno un miliardo, da “aggiustare” il prima possibile. Un consto inaccettabile per il Paese. E’ questo il mandato che il ministro Lorenzin ha dato all’ genas, l’Agenzia per i servizi sanitari regionali, che ha fatto le pulci ai bilanci degli ospedali di 14 regioni. Spese triplicate, per lavanderia, riscaldamento o mensa. Personale che gonfia a dismisura le piante organiche. Soprattutto di amministrativi, quando mancano i medici.
Nel mririno, riporta La Stampa, 29 grandi ospedali d’ Italia, concentrati in Piemonte (4), Liguria (2), Toscana (4), Marche (1), Lazio (9), Calabria (4), Sardegna e Campania (uno ciascuna). Un buco da 915 milioni, destinati a sforare il miliardo quando saranno disponibili i dati di tutte le regioni.Spiccano su tutti i nosocomi di Roma, che nel 2014 erano in perdita per 707 milioni. Oppure l’ ospedale di Cosenza, in deficit per 8,5 milioni. Qui gli amministrativi abbondano.La legge di stabilità appena approvata prevede che i direttori generali degli ospedali in rosso presentino un piano di rientro triennale, che spetterà poi ai ministeri della Salute e dell’ Economia oltre che alla Agenas monitorare. Se non lo faranno decadranno

Ti potrebbero interessare anche:

Campania, per Asl e ospedali presto banca dati unica
In sanità 30-40mila precari, 8 mila medici
Nuovo codice dei medici, sì alle nuove tecnologie ma senza rinunciare alla visita medica
L'obbligo vaccini a scuola diventa legge, possibile l'autocertificazione
Dementia Monitor Europeo 2017/ L'Italia fa tanta ricerca, ma scarseggiano i servizi di assistenza
ASL ROMA 5/ “Luci ed ombre tra linee guida e mondo reale”, convegno sull'autismo



wordpress stat