| categoria: In breve, Senza categoria

Centoventi imprese italiane con la certificazione Halal. Ma la finanza islamica sta frenando

– Sono 120 le imprese italiane che hanno voluto e ottenuto la certificazione ‘halal’ che attesta prodotti in regola con le normative islamiche. Un modo per accedere più facilmente ai mercati di un vasto mondo in espansione, in particolare nei settori agro-alimentare, farmaceutico e cosmetico. Questo il messaggio emerso dalla prima delle due giornate del 2/o Forum dell’Economia Islamica in svolgimento a Torino. Ma mentre dal Campus Einaudi dell’Università di Torino dove sono riunite delegazioni di 25 Paesi islamici, vengono forniti dati di crescita dell’export italiano, da una ricerca di Standard & Poor’s arriva la doccia fredda: la finanza islamica nel 2016, dopo un decennio in cui ha registrato un incremento medio del 10%-15%, segnerà un rallentamento segnando una crescita a una sola cifra. Cause – secondo l’agenzia di rating – sono il calo dei prezzi del petrolio, i cambiamenti della regolamentazione globale e la natura frammentaria del settore. Dal Forum torinese Fatimah Habib Eddine, direttore di ‘Finanza Islamica Magazine’, segnala che, in effetti, un problema c’è e andrà risolto per non andare incontro a un’inversione di tendenza nella possibilità di crescita del marketing nei Paesi islamici. «C’è bisogno – dice – di un cambiamento nella materia fiscale. A livello finanziario ci sono ancora impedimenti agli investimenti. Un esempio sono i muti islamici che prevedono una compravendita, ovvero la banca compra l’immobile che viene a sua volta affittato dall’acquirente che ne entra in possesso nel momento in cui paga tutte le rate. In Italia è molto diverso e, inoltre, ogni transazione viene tassata. Questo fa sì che il mercato immobiliare resti poco appetibile per la popolazione islamica. Anche per quanto riguarda i prodotti italiani, in realtà nei Paesi islamici sono ancora di nicchia». Restano, comunque, i dati di un export in buona salute, almeno al momento. Il segretario generale della Camera di Commercio negli Emirati Arabi, Mauro Marzocchi, tra i relatori al Forum di Torino, ne cita alcuni: +14,2% nei primi sei mesi di quest’anno rispetto al primo semestre 2014 e addirittura un balzo del 30% nell’agro-alimentare. La presenza del made in Italy negli Emirati è pari a quella del Giappone

Ti potrebbero interessare anche:

Gramazio delegato del sindaco Alemanno per la sanità
ROMA/ Inchiesta sul servizio di autobus per disabili, prosciolti ex assessore Colaceci e altri
Sequestrata fabbrica-labirinto con 82 dormitori a Prato
Controlli su opifici in area vesuviana, un arresto e 7 fabbriche chiuse
Dopo la Volkswagen anche Opel alla sbarra per emissioni inquinanti
Censis, cresce il bisogno di cure, 4 milioni di italiani saranno in cattiva salute nel 2030



wordpress stat