| categoria: Dall'interno

L’Aquila, crollo balconi nella newtown, 37 indagati

Dopo oltre un anno di indagini, accertamenti e attesa sono in corso oggi le notifiche ai 37 indagati nell’inchiesta della procura della Repubblica dell’Aquila sul crollo di un balcone di un alloggio della palazzina antisismica della new town di Cese di Preturo (L’Aquila), una delle 19 del progetto C.a.s.e., il mega insediamento realizzato dopo il terremoto per dare un tetto a oltre 16 mila aquilani alloggiati in circa 4.500 appartamenti. Gli indagati sono Mauro Dolce, Sergio Sabato, Dino Bonadies, Paolo Delfanti, Gian Michele Calvi, Stefano Vitalini, Alessandro Tosello, Fabrizio Frau, Luigi Spadaro, Antonio Coccia, Alberto Damiani, Michele D’Adamo, Paolo Emilio Pinto, Edoardo Cosenza, Gaetano Manfredi, Paolo Zanon, Claudio Moroni, Luca Pagani, Emilia Aloise, Francesco Tuccillo, Carlo De Angelis Mastrolilli, Davide Dragone, Wolf Chitis, Paolo Vacca, Giampaolo Paraboschi, Fabio Serena, Roberto Gandolfi, Carmine Guarino, Markus Alois Odermatt, Renato Amorosi, Lucio Nardis, Mario Di Gregorio, Vittorio Fabrizi, Enrica De Paulis, Carlo Cafaggi, Marco Balassone, Claudio Levorato. Le indagini sono scattate il 2 settembre del 2014 quando un balcone si è staccato dal secondo piano «per difetti di costruzione e utilizzo di materiale scadente» cadendo su quello sottostante. Le accuse a vario titolo sono di crollo colposo, truffa in pubbliche forniture e una serie di falsi. Al termine delle notifiche partiranno gli interrogatori per le persone indagate che dovranno chiarire le loro posizioni. Dopo il crollo sono stati sequestrati circa 800 balconi in legno in 494 appartamenti in tutto il territorio aquilano.

Ti potrebbero interessare anche:

Volo Ryanair Bari-Bergamo ritarda di 8 ore, proteste nello scalo
Milano, travolta dalla metro sotto gli occhi del marito
'Ndrangheta: Dia confisca beni per 5 milioni, erano di un boss deceduto
Dimostrato per la prima volta il "contagio emotivo" del cane
Bullismo, la Cassazione: «Lo Stato paghi l’avvocato alle vittime»
Telefonino compagno anche di notte, se Internet è malattia



wordpress stat