| categoria: In breve, Senza categoria

AREZZO/ Padre Graziano resta in carcere, negati i domiciliari

Padre Graziano resta nel carcere di Arezzo. Il gip del Tribunale di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, ha respinto l’istanza di scarcerazione che era stata avanzata dall’avvocato Francesco Zacheo, difensore del sacerdote congolese accusato dell’omicidio e dell’occultamento del cadavere di Guerrina Piscaglia, la sua parrocchiana misteriosamente scomparsa il 1° maggio 2014 da Ca’ Raffaello, nel comune di Badia Tedalda, in provincia di Arezzo. Il gip ha negato anche la richiesta, presentata in subordine, di arresti domiciliari nel convento romano dei premostratensi, con il braccialetto elettronico per i controlli. Padre Gratien Alabi, conosciuto dai suoi parrochiani come padre Graziano, si trova rinchiuso in una cella del carcere aretino di San Benedetto dal 23 aprile. Il processo davanti alla Corte d’Assise di Arezzo per l’omicidio di Guerrina Piscaglia inizierà il 4 dicembre con la prima udienza. L’avvocato Zacheo ha annunciato che farà ricorso al riesame contro la decisione del gip.

Ti potrebbero interessare anche:

EDITORIA/ Perquisizioni della Finanza per presunta truppa a Como
Muti, i giovani devono trovare lavoro nelle nostre orchestre
FRANCIA/ Verso la soppressione dell'ordine degli infermieri
GERUSALEMME/ Nuovi scontri sulla spianata delle Moschee
Bruxelles: Salah accetta l'estradizione. I terroristi volevano far saltare una centrale nucleare
L’ex sindaco di New York Rudy Giuliani in campo per Trump



wordpress stat