| categoria: sanità

Crisi, anche la salute diventa un lusso: un italiano su 2 rinuncia a cure

In tempi di crisi anche la salute diventa un lusso. Nel 41,7% delle famiglie almeno una persona ha dovuto rinunciare a una prestazione sanitaria, mentre i cittadini pagano il 18% della spesa sanitaria totale, per oltre 500 euro a testa. E a fronte di 3 milioni di cittadini non autosufficienti che necessitano di assistenza, si contano oltre 1,3 milioni badanti, con una spesa per le famiglie di 10 miliardi l’anno. E’ il quadro tracciato dall’indagine ‘Bilancio di sostenibilità del welfare italiano’ del Censis e dalle ricerche delle associazioni dei consumatori, presentate oggi a Roma, realizzate per il Forum Ania-Consumatori e pubblicate nel volume “Gli scenari del welfare. Verso uno stato sociale sostenibile”, in cui sono illustrate le proposte di assicuratori e consumatori per un welfare futuro equo e sostenibile.

Ti potrebbero interessare anche:

E se lo stipendio dei medici dipendesse dal giudizio dei pazienti? A NY ci provano
La Lombardia taglia l'assistenza ai malati terminali?
La Regione Toscana attiva 500 posti letto di cure intermedie nelle Asl
Tumori al seno, italiani scoprono la chiave delle metastasi
Epatite C: Aifa, cure per 240.000 pazienti in tre anni
Coronavirus, Guerra: "Più tamponi ma mirati"



wordpress stat