| categoria: Roma e Lazio

DIETRO I FATTI/ Marino inaugura la nuova via Marsala, restyling a tempo di record, dice. Ma se non c’era il Giubileo…

«Questo è quello che fa una amministrazione efficiente in un mese. È un risultato straordinario». Così il sindaco dimissionario di Roma Ignazio Marino ha illustrato alla stampa i lavori di riqualificazione, terminati in anticipo rispetto alla tabella di marcia, di via Marsala, una delle arterie principale di Termini, anche in vista del Giubileo. «È un’amministrazione molto efficiente e attenta ai problemi della città e del Paese perchè questo è il principale snodo ferroviario d’Italia – ha aggiunto -. Se considerate che abbiamo avuto in questi lavori anche sorprese negative come le caditoie e tutto il sistema di raccolta dell’acqua che non era allacciato al sistema fognario nel 2015. Credo questo sia un fatto importante: noi abbiamo rifatto l’asfalto mischiato con il polverino dei pneumatici usati per diminuire l’inquinamento acustico e aumentare l’aderenza e allo stesso tempo abbiamo realizzato l’allaccio fognario. Tutto in un mese». Abbiamo ripreso integralmente le dichiarazioni del sindaco così come le ha riportate un quotidiano romano. E’ l’occasione per una riflessione compiuta, una volta tanto. Non c’è contradditorio e nessuno obietta a Marino che ha avuto davanti agli occhi per due anni via Marsala e dintorni, il disastro ambientale e sociale dell’intera area attorno a Termini, un degrado denunciato in tutti i modi, c’è tanta miseria, tanta disperazione. Una realtà rimasta a marcire senza che la Giunta Marino abbia mosso un dito. Non ha chiesto ai suoi sponsor di fare qualcosa, meglio pensare ai Fori pedonalizzati. C’è un quartiere-chiave da riqualificare, e invece si è lasciato andare a fondo una realtà degradata, sono state date licenze e autorizzazioni che gridano vendetta. Ci vuole una bella faccia tosta per vantarsi di fronte alla stampa del restyling a tempo di record di via Marsala. Lo sporco è stato messo sotto il tappeto. E se non fosse stato per il Giubileo quei lavori non sarebbero mai stati fatti. Qualcuno ha impedito a Marino di intervenire subito, c’era una road map della quale l’opinione pubblica è stata tenuta all’oscuro? Ma andiamo oltre. Le caditoie. Da tempo immemorabile Roma si allaga. Una amministrazione cerca subito si scoprire perché e provvede. Marino dice di aver scoperto da poco che non c’è il collegamento con il sistema fognario. Prima dormiva? O la sua amministrazione era miope e incapace come le precedenti? E così via.

Ti potrebbero interessare anche:

INFERNETTO/Papa: Conoscete cosa avete nel cuore, le parole possono uccidere
Attività commerciali nelle aree dei monumenti, accordo Ministero-Campidoglio per l'ennesima commissi...
Casamonica, Pd in piazza. Ma Renzi diserta il sit in di Marino
MIGRANTI, NUOVI ARRIVI IN TENDOPOLI CRI DI VIA RAMAZZINI
Sgombero dei migranti, quasi guerriglia urbana a Piazza Indipendenza
IL TRIONFO DI STEFANO/ Strade aperte a bici e pedoni e chiuse alle auto: una domenica speciale



wordpress stat