| categoria: sport

Mihaijlovic, risolvo i problemi o servirà un esorcista

«Sono convinto di poter risolvere i problemi del Milan. Non sono un fenomeno, non sono presuntuoso. Ho le caratteristiche per riuscirci, altrimenti dovremo chiamare un esorcista». Sinisa Mihajlovic con una battuta, racconta tutte le difficoltà che sta affrontando alla guida del Milan. Un momento negativo, in cui neppure in amichevole nel Trofeo Berlusconi contro l’Inter delle riserve è riuscito ad ottenere una vittoria. «Dobbiamo trovare continuità. La squadra gioca bene, ma commette anche errori forse per paura», ammette nella conferenza della vigilia della sfida col Sassuolo. Un problema psicologico che si aggiunge a quello tecnico di una squadra che non riesce ad incidere. Domani a San Siro Mihajlovic deve ricambiare la fiducia incassata dal presidente Berlusconi con un successo. La panchina del Milan resta un onore per il tecnico serbo un «debito nei confronti del presidente e di Galliani. Ma sono un uomo a cui non piace avere debiti e li salderò». Mihajlovic, nonostante le difficoltà, resta sicuro di sè e delle sue capacità. Non traspare tensione nelle sue parole, forse anche perchè le esperienze di vita e di carriera lo hanno forgiato. «Ho vissuto sulla mia pelle la guerra dell’ex Jugoslavia, potrei mai avere paura della partita col Sassuolo?», risponde a chi gli domanda del suo futuro. «So quali sono le regole del calcio – aggiunge -, so cosa accade quando non ci sono i risultati. Come dice Trapattoni i tecnici si dividono in quelli ‘esoneratì e in quelli che ‘saranno esoneratì. Non mi fascio la testa prima di farmi male, anche perchè la squadra è con me». Il club non vuole dire addio all’allenatore a stagione in corso, anche perchè significherebbe bocciare il progetto tecnico e ricominciare ancora una volta da capo. Ma dopo un mercato importante con quasi 100 milioni di euro spesi, la società si aspetta di raccogliere risultati già da domani col Sassuolo. Il clima sarà teso, con l’ennesima contestazione della Curva Sud. E il presidente Berlusconi seduto in tribuna difficilmente sopporterà a cuor leggero un’altra sconfitta. Mihajlovic lo ha capito: è ora di saldare il debito con il patron e con il club.

Ti potrebbero interessare anche:

Domenica di grandi premi all'Ippodromo delle Capannelle. Corre anche il cavallo di Carlo Ancelotti
MOTO/ Gran Premio della Repubblica Ceca, vince Pedrosa, stop al record di Marquez
Eder, Vazquez e Valdifiori convocati da Conte in Nazionale
Mondiali di nuoto, Cagnotto vince l'oro nel trampolino da 1 metro
Guidolin dà la scossa, Swansea espugna il campo dell'Everton
BASKET INCARROZZINA/ Dignitosa sconfitta per il S.Lucia contro l'UnipolSai



wordpress stat