| categoria: sport

Serie B, frenano Crotone e Cagliari

Il Crotone si fa riprendere nel finale (1-1) dal Brescia e sciupa l’occasione per partire in fuga. Alle sue spalle, infatti, frena anche il Cagliari che non va oltre lo 0-0 al Perugia. Un risultato che fa felice il Cesena che torna al 2° posto battendo per 3-1 il Como. Si rialza il Bari che passa (0-1) a Vercelli e scavalca Livorno (0-0 a Chiavari con l’Entella) e Spezia (1-1 a Modena), risalendo in 4/a posizione. Ritrova il sorriso anche il Vicenza che espugna (1-2) Trapani. In coda, colpo grosso della Ternana (1-2) a Latina e boccata d’ossigeno per l’Avellino che travolge (3-0) l’Ascoli. Infine il Lanciano rimonta due reti (2-2) alla Salernitana. Novara-Pescara è stata rinviata a data da destinarsi per nebbia.

CROTONE-BRESCIA 1-1
Un Crotone sciupone si fa riprendere nel finale dal Brescia e manca l’occasione di volare a +3 sulla terza. A rompere l’equilibrio pensa al 44′ Ricci, lesto a riprendere una respinta di Minelli dopo un tiro dal limite di Torromino. Sulle ali dell’entusiasmo la capolista insiste nella ripresa ma manca il colpo del ko con Capezzi (traversa), Zampano e Torromino (palo). Il Brescia ringrazia e all’87’ acciuffa il pari: il gol lo segna il subentrato Abate, lesto a risolvere in scivolata da pochi passi una mischia in area.
PERUGIA-CAGLIARI 0-0
Al Cagliari non basta una buona prestazione per passare al Curi. I sardi creano palle a ripetizione ma trovano sulla loro strada un superlativo Rosati che si oppone da campione sulle conclusioni ravvicinate di Melchiorri, Farias e Joao Pedro. Il Perugia non resta a guardare e fa gridare al gol i prpri tifosi su una conclusione di Ardemagni, deviata sul palo da Ceppitelli. Nella ripresa i ritmi calano ma i sardi continuano a rendersi pericolosi sfiorando il bersaglio con Fossati e Giannetti.

CESENA-COMO 3-1
Il Cesena supera il Como e aggancia il Cagliari al 2° posto. I romagnoli impiegano appena 12′ per sbloccare il risultato: l’1-0 lo firma Djuric con una bella girata volante di sinistro su cross di Mazzotta. Il Como manca il pari con Casoli e, al 30′ viene punito da Garritano che smarcato in area con un cross dalla destra di Kessie, batte agevolmente Scuffet. Il Cesena s’addormenta e, allora, il Como ne approfitta. I lariani mancano una buona occasione con Ebagua e poi (52′) riducono le distanze con un tap-in di Bencivegna, lesto a riprendere un tiro di Casoli respinto dalla traversa. Il Cesena sbanda e rischia il 2-2 sulle conclusioni di Bessa e Ebagua. A scacciare i fantasmi a Drago pensa Ciano che, dopo aver colpito una traversa su punizione, chiude definitivamente i conti all’89’ con una bella azione personale, conclusa con un forte sinistro dal limite.

PRO VERCELLI-BARI 0-1
Un Bari double-face espugna Vercelli e risale al 4° posto. Per mezz’ora i pugliesi sono in balia degli avversari che vanno vicinissimi al vantaggio con Emmanuello e Gatto (traversa). Il Bari si sveglia e, dopo una buona opportunità sciupata da Defendi, passa (53′) sugli sviluppi di una punizione con un sinistro al volo di Rada su torre di De Luca. I galletti prendono fiducia e, nel finale, legittimano il successo andando per tre volte vicini al raddoppio con Puscas (2) e Rosina (traversa).
VIRTUS ENTELLA-LIVORNO 0-0
Il Livorno non va oltre lo 0-0 a Chiavari e scivola al 5° posto. Gara con poche emozioni al Comunale. Per quasi un’ora in campo si vedono solo gli ospiti che sfiorano il vantaggio con Pasquato e Vantaggiato (2). Poi l’Entella prende le contromisure agli avversari e sfiora anche il vantaggio con un siluro su punizione di Sini che centra in pieno il palo.
MODENA-SPEZIA 1-1
Lo Spezia frena anche a Modena e perde l’occasione per risalire posizioni in classifica. Se si eccettua una ghiotta occasione sciupata di testa da Sowe, il primo tempo è tutto di marca ospite. I liguri mancano il bersaglio con Catellani, Kvrzic e Nenè e, alla fine, passano (45′); l’arbitro Sacchi concede il rigore per un dubbio fallo di Calapai su Nenè e Catellani ne approfitta per segnare il classico gol dell’ex. Il Modena non ci sta e, al rientro dall’intervallo, pareggia immediatamente: l’1-1 lo firma al 47′ Belingheri con un bel destro in mezza girata dal limite su sponda di petto di Stanco. Il Modena insiste ma manca clamorosamente il 2-1 con Sowe che solo, da due metri, centra in pieno Chichizola.
TRAPANI-VICENZA 1-2
Il Vicenza torna alla vittoria a Trapani e rimette piede in zona play-off. A rompere l’equilibrio pensa al 20′ Giacomelli che va via in azione personale sulla sinistra e batte sul primo palo Nicolas con un preciso tocco d’esterno destro. Il Trapani accusa il colpo e, al 24′, incassa il raddoppio da Gagliardini, lesto a riprendere in scivolata una corta respinta di Nicolas su tiro di Cinelli. La gara diventa ricca di emozioni. Il Trapani manca occasioni a ripetizione con Rizzato, Scozzarella (2), Coronado (salvataggio sulla linea di Sampirisi) ed Eramo, il Vicenza non resta a guardare sfiorando il tris in contropiede con Giacomelli, Sbrissa e Mantovani. Dai e dai alla fine i siciliani riescono a ridurre le distanze (85′) con una bella girata di dal limite di De Vita, appena entrato. Troppo tardi, però, per evitare la sconfitta.
LATINA-TERNANA 1-2
Breda gioca un brutto scherzo al suo ex Latina espugnando per 2-1 con la Ternana il Francioni. Gli umbri rischiano in avvio su una conclusione di Minala ma poi prendono coraggio. E dopo aver sfiorato il bersaglio con Valjent e Gondo (traversa) passano (48′): il gol lo realizza di testa a porta vuota Furlan che sfrutta una sponda aerea di Gondo, lesto ad approfittare di un’incomprensione in uscita tra Brosco e Di Gennaro. Falletti davanti a Di Gennaro manca il raddoppio e allora il Latina ne approfitta per pareggiare (63′) con un preciso destro in diagonale di Minala su assist di Ammari. La Ternana non s’abbatte e dopo appena 2′ torna avanti con una perfetta punizione dal limite di Furlan. Il Latina si riversa all’attacca ma sciupa con Acosty, Bandinelli e Della fiore la palla del possibile 2-1. I pontini hanno chiuso la gara in 10 per l’espulsione all’88’ di Calderoni per somma di ammonizioni.

AVELLINO-ASCOLI 3-0
L’Avellino travolge l’Ascoli e si toglie dai bassifondi della classifica. Gli irpini soffrono in avvio: rischiano di capitolare su una conclusione di Altobelli ma alla prima vera occasione passano (39′): l’1-0 lo sigla Mokulu con un perfetto colpo di testa su angolo dalla sinistra di Tavano. Sulle ali dell’entusiasmo l’Avellno insiste e, 2′ dopo, raddoppia in contropiede con un preciso destro in diagonale da sinistra di Tavano. L’Ascoli alza bandiera bianca e, al 48′, incassa anche il 3-0, opera di Gavazzi con un preciso destro in diagonale dal limite. L’Avellino non è pago e sfiora anche il poker con Tavano che colpisce una traversa.
VIRTUS LANCIANO-SALERNITANA 2-2
Il Lanciano rimonta due reti alla Salernitana e strappa un pari prezioso in chiave salvezza. I campani partono forte e al 12′ vanno già sullo 0-2 grazie a una doppietta di Coda che prima (6′) batte Aridità con un preciso destro a fil di palo dal limite su assist di Sciaudone e poi approfitta di un clamoroso errore in retropassaggio di testa di De Silvestro per piegare ancora le mani ad Aridità con un sinistro ravvicinato in girata.
Il Lanciano si rimbocca le maniche e, al 26′, accorcia le distanze con un tap-in di Piccolo, lesto a riprendere una corta respinta di Strakosha su tiro di Ferrari. I frentani insistono e, al 51′ pareggiano: l’arbitro Manganello giudica da rigore un fallo di mano in area di Moro e consente a Piccolo di realizzare dal dischetto la sua personale doppietta. Galvanizzata, la squadra di D’Aversa insiste e nel finale sfiora anche la vittoria con De Silvestro (traversa) e Ferrari

Ti potrebbero interessare anche:

Ufficiale, Massimo Ambrosini è della Fiorentina
F1/ Ferrari si conferma a Barcellona, sorprende Maldonado
Bacca illude il Milan, poi è solo un pari con il Torino
Boateng torna al Milan, c'è l'ufficialità
Per le "provinciali"Chievo ed Empoli un pari equo
Coronavirus, Uefa posticipa finali Champions ed Europa League



wordpress stat