| categoria: attualità

Scacco al clan dei Casalesi: confiscati beni per 20 milioni

Le Fiamme gialle di Napoli hanmo confiscato beni mobili e immobili per un valore di 20 milioni di euro appartenenti a esponenti del clan dei Casalesi facenti parte della fazione guidata dal boss Francesco Bidognetti detto «Cicciotto e mezzanotte». Il Nucleo di Polizia Tributaria ha posto i sigilli a beni, fra gli altri, di proprietà di Bernardo Cirillo, cugino del capoclan, e Giovanni Letizia, quest’ultimo sicario dell’ala stragista della cosca guidata da Giuseppe Setola. Si tratta di 24 fabbricati e di un terreno che si trovano a Casal di Principe, Castel Volturno, Trentola Ducenta, Lusciano, Giugliano in Campania, Mugnano di Napoli; sigilli anche a otto autovetture e due rapporti finanziari. Le confisca è avvenuta nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta «Dominus» – coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli e condotta dal Gico di Napoli in collaborazione con il Servizio Centrale di Investigazione sulla criminalità organizzata (Scico) – che nel 2008 portò all’arresto di 19 affiliati alla fazione di Bidognetti. Dall’inchiesta emerse che il boss, nonostante fosse da quasi 15 anni in carcere, continuava a gestire attraverso gli affiliati vari business illeciti, come l’imposizione a esercizi commerciali del Casertano degli apparecchi video-poker e del caffè e dei gadget pubblicitari. 

Ti potrebbero interessare anche:

Inps ritira la circolare sulle pensioni di invalidità: niente cumulo con il reddito del coniuge
Sanita': Robotica in chirurgia digestiva, al Gemelli vantaggi e costi
Il Cavaliere: De Gregorio ci chiese 10 milioni per evitare la bancarotta e ci minacciò
Coca cola sicura e sana? Nel dubbio l'antitrust fa cambiare l'etichetta
Il governo di Tripoli: "Non accetteremo intervento straniero"
Di Maio, menzogne. Pubblico tutto



wordpress stat