| categoria: Cultura

A 40 anni dalla morte “Pasolini gioca ancora”

– Il ricordo di Pier Paolo Pasolini passa anche attraverso il calcio. Quello giocato, come oggi a Pietralata, una delle tante periferie descritte dallo scrittore, poeta e regista friulano. A 40 anni dalla sua uccisione, attori, scrittori, giornalisti si sono sfidati sul campo del Fulvio Bernardini in un quadrangolare intitolato «Pasolini gioca ancora». Ad aggiudicarselo è stata la nazionale scrittori Osvaldo Soriano Fc che ha superato soltanto ai rigori la Pasoliniana, formazione composta da veterani della squadra di rifugiati Liberi Nantes. Ma in campo si sono affrontate un pò tutte le anime di Pasolini, rappresentate dal Team Giornalisti Italiani e l’Italianattori che il poeta corsaro contribuì a fondare. «Nel mio ruolo di ministro della Cultura, credo di dovere, in qualche modo, scusarmi per le istituzioni che non hanno capito Pasolini e, anzi, spesso lo hanno emarginato», dice il ministro Dario Franceschini che ha dato il calcio d’inizio del torneo assieme a Ninetto Davoli. «Pasolini è stato tante cose – aggiunge il ministro -. Anche calcio. Ci sono delle immagini bellissime di Pasolini in giacca e cravatta che gioca con i bambini nella periferia romana. E questa iniziativa, qui a Pietralata, è il modo migliore per iniziare questo ricordo di Pasolini». Davoli, protagonista di suoi tanti film, oggi non è in campo ma i ricordi dell’amico sono vivi. Anche di quando inseguivano un pallone. «Non dico che viveva per il calcio, ma quasi- spiega -. Lo chiamavano lo Stukas perchè era velocissimo. Aveva una passione sviscerata. Qualche volta capitava che doveva fare delle conferenze ma se c’era una partita delle volte diceva una scusa per venire a giocare». Su un campo da calcio, Pasolini tentò anche di superare un diverbio con Bernardo Bertolucci. «Ma Bertolucci ci ha un pò fregato perchè schierò degli ex giocatori – spiega Davoli -. Pasolini si arrabbiò? A lui mica gli piaceva perdere. Giocava sulla fascia, era uno che faceva il doppio passo alla Biavati, era il suo idolo». Nel gioco del pallone, l’artista trovò un linguaggio, una forma espressiva assolutamente complementare alla letteratura. Il simbolo di una purezza perduta. «Mi dispiace non aver mai avuto la possibilità di giocarci contro, sarebbe stato bello – si rammarica Matteo Garrone, per un giorno regista di centrocampo -. Da Davoli mi facevo raccontare sempre aneddoti legati alla sua vita e al calcio. Aveva una grande capacità di riuscire a capire prima di tutti gli altri quello che sarebbe successo nel nostro Paese». Giacomo Losi, invece, lo affrontò da avversario in un’amichevole al Flaminio tra l’Italianattori e gli ex di Roma e Lazio. «Mi impressionò la sua voglia – sottolinea -. Mi sembrava un ragazzino. Incitava i compagni, correva su tutti i palloni. A chi lo paragonerei? Come spirito mi sembra Florenzi. Fisicamente era mingherlino ma la voglia di giocare era tanta. Il calcio di oggi? Ho paura che gli farebbe schifo come fa a tanti di noi». Meglio quello di periferia, dove attori, giornalisti e scrittori tornano bambini. «Quando arrivò la notizia della sua morte eravamo sul campetto con Troisi e Arena – rivela Enzo Decaro -. Calò un silenzio gelido. Per noi che eravamo adolescenti fu la perdita di un punto di riferimento che era fondamentale proprio perchè non aveva punti di riferimento se non la sua coscienza morale».

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia: integrazione e diversita', il cinema si impegna. Kyenge al Lido e' 'testimonial'
MOSTRA/Reggia di Caserta: Vanvitelli segreto: i suoi pittori da Conca a Giaquinto, la Cathedra Petri
Salisburgo, Gatti e Wiener, un trovatore stellare
Picasso, frammenti del dolore di Guernica esposti a Firenze
SCALA/ Inizia la sfida Nucci-Domingo, entrambi Boccanegra
Da Picasso alla Biennale, le mostre italiane del 2017



wordpress stat