| categoria: Musica

Sanremo: Laura Pausini, sarò ospite al Festival

“Ho dovuto dire no alla co-conduzione di Sanremo perché non ho il tempo di prepararmi adeguatamente. Ringrazio Carlo Conti e la Rai per avermelo proposto. Sono felice comunque di tornare come ospite. Sanremo fa sempre un po’ paura”. Laura Pausini, presentando il suo nuovo album “Simili”, annuncia che sarà all’Ariston per una serata.
Da un lato lo skyline illuminato di Miami, dall’altro l’orizzonte che divide cielo e Oceano. Laura Pausini, versione americana, apre la terrazza della sua casa in Florida per raccontare il nuovo disco di inediti che uscirà il 6 novembre (per il 13 è attesa la versione in spagnolo) e sarà distribuito in 60 Paesi.

“L’essere diventata mamma ha cambiato la mia vita, anche lavorativa – spiega Laura con la luce negli occhi -. Ora ho una responsabilità e un’apertura mentale che prima non avevo”. E anche voglia di sperimentare. La prima differenza rispetto ai lavori passati, la ragazza partita da Solarolo alla conquista del mondo la sottolinea lei stessa: “Simili è il meno autobiografico tra i miei dischi. Delle 15 tracce che compongono l’album 12 le definisco Simili e le ultime tre, quelle più intimistiche, ‘+ Simili'”. Le altre storie – racconta – sono “arrivate”. “Alcune dai fan”, altre invece confezionate su misura da tre amici-colleghi dalla penna lieve: Jovanotti, Giuliano Sangiorgi e Biagio Antonacci.

Nella tracklist anche testi di Nicolò Agliardi, che firma il brano che dà il titolo al disco e che diventerà la sigla della prossima edizione della fiction di Rai1, Braccialetti Rossi.

Laura – che ormai alterna la sua carriera musicale a quella televisiva soprattutto all’estero (è a Miami perché impegnata fino a dicembre con il talent La Banda, dopo l’esperienza nelle vesti di giudice anche a La Voz di Spagna e del Messico) – ha in serbo nuovi progetti sul piccolo schermo anche per l’Italia. Si parte il 14 novembre con uno speciale in access prime time su Rai1, per presentare Simili con ospiti anche Jovanotti, Giuliano Sangiorgi e Biagio Antonacci (“Li inviterò anche per le tre date negli stadi di Milano, Roma e Bari che farò il 4, 11 e 18 giugno”), ma quello a cui sembra tenere di più è l’idea di un programma tutto suo in primavera.

Ti potrebbero interessare anche:

Sergio Cammariere accompagna il pubblico “mano nella mano” nel suo mondo musicale
Madonna, torno a mie radici e brindo con te Fabio!
Guerra di rap, Fabri Fibra le canta a Fedez
Paola Turci, a 50 mi piaccio e non mi nascondo più
MUSICA/ Roma, Peppe Barra a Villa Pamphili per i "concerti nel parco"
"Pure McCartney", tutta la carriera di Sir Paul



wordpress stat