| categoria: gusto

Svolta vegana per birra Guinness,no a colla pesce per filtri

Svolta vegana per la Guinness, birrificio irlandese conosciuto per l’omonima birra scura (o stout): dopo 256 anni di storia, la società smetterà di utilizzare la colla di pesce nei suoi filtri per la birrificazione. “Stiamo facendo degli sforzi per migliorare ulteriormente i nostri prodotti”, ha dichiarato un portavoce della Guinness al Times, anticipando la volontà di utilizzare un nuovo impianto di filtraggio vegan-friendly. Lo storico birrificio ha colto la forza del movimento vegan e la sua mobilitazione sui social network per eliminare la colla di pesce, ricavata dalla vescica natatoria dei pesci

. A partire dal diciannovesimo secolo la colla di pesce è stata utilizzata da molti produttori e anche se gran parte viene filtrata nel processo di fermentazione, stando al rapporto stilato dal Times, restano comunque alcune tracce nel prodotto finito.

Perciò Guinness ha annunciato che dal 2016 introdurrà un nuovo metodo nella sua linea di produzione. Non dovrebbe essere difficile, perché, come sottolineano gli esperti, la colla di pesce utilizzata nei filtri, che peraltro non influenza il sapore della birra, può essere facilmente sostituita da alternative vegane come l’agar-agar, la carragenina e la pectina.

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia, il gusto è in scena
VINO/ Oristano, la cucina di classe scopre le potenzialita' della vernaccia
QUISIGEP/ E' calabrese il campione dei "nuovi pizzaioli"
Da mezzanotte si stappa il Novello, assaggi di vino giovane
Vino: eccellenze valdostane per Courmayeur wine fest
Sigep scalda i motori, il salone internazionale a Rimini dal 21 al 25



wordpress stat