| categoria: sport

Salta il n.1 dell’antidoping in Russia. Il Cremlino: accuse infondate

Accuse infondate», almeno finche’ non saranno provate: il Cremlino reagisce cosi’ alle pesanti accuse di doping di Stato da parte di una commissione della Wada, l’agenzia mondiale anti doping, che ha scatenato un caso internazionale oscurato solo da gran parte dei media russi. Gli Usa ribattono subito, in un clima da guerra fredda sportiva: «non ritengo ci siano motivi per mettere in dubbio» i risultati dell’indagine della Wada, afferma il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest. Ma di fronte allo spettro di una sospensione della Russia per due anni da tutte le competizioni, a partire dalle Olimpiadi brasiliane – come raccomanda il rapporto alla Iaaf – Putin risponde convocando domani a Sochi i capi di tutte le federazioni sportive per discutere lo stato attuale della loro preparazione in vista di Rio 2016: un appuntamento che non ha alcuna intenzione di perdere perche’ sarebbe un vulnus senza precedenti non solo per la storia dello sport russo ma anche per l’immagine vincente del suo leader e di un Paese tornato al centro dell’arena internazionale. Ma nel frattempo Mosca e’ costretta a chiudere i battenti del suo laboratorio anti doping dopo che la Wada gli ha revocato immediatamente l’accredito ordinando che i campioni per i test siano affidati a laboratori stranieri. Cadono anche le prime teste, con le dimissioni del suo direttore, Grigori Rodchenkov, accusato di occultare il doping, di estorcere soldi agli atleti e di aver distrutto 1417 campioni sospetti: la commissione della Wada aveva chiesto per lui il bando a vita. La chiusura del laboratorio potrebbe essere un brutto colpo anche per i Mondiali di calcio che la Russia ospitera’ nel 2018, peraltro gia’ finiti nello scandalo Fifa tra sospetti di corruzione per la loro assegnazione: nel 2014, durante la Coppa del mondo in Brasile, la Wada aveva gia’ chiuso il laboratorio anti doping di Rio inviando le provette in Svizzera. Intanto, per 19 mesi, sara’ la Fifa a gestire il programma anti doping per la Confederation Cup, in programma sempre in Russia nel 2017. Le reazioni russe a quello che la stampa sportiva nazionale ha battezzato come il «lunedi’ nero» spaziano dalla tesi di un oltraggioso complotto a posizioni piu’ concilianti. Per Dmitri Peskov, portavoce di Putin, «finche’ non saranno fornite le prove, e’ difficile accettare le accuse. Esse sono senza fondamento». E se Valentin Balakhniciov, per oltre 20 anni presidente della federatletica russa, ha annunciato l’intenzione di ricorrere al Tribunale sportivo di arbitrato a Losanna per difendere i «miei interessi personali e quelli del Paese», il suo successore, Vadim Zelicionok ha ammesso che il doping e’ stato un problema in passato ma ha assicurato che «ora non c’e’ corruzione, posso giurare sulla Bibbia». Ed ha evocato un non meglio precisato «elemento di carattere premeditato» nel rapporto Wada, auspicando che la Iaaf «mostri prudenza» e consenta agli atleti russi di partecipare a Rio 2016. Nikita Kamaev, direttore esecutivo dell’agenzia federale russa anti doping (Rusada), che resta operativa, ha garantito che la struttura «rispetta i requisiti della Wada al momento» e rispondera’ dettagliatamente alle questioni sollevate dal rapporto, ma ha definito le infiltrazioni degli 007 come frutto di una «immaginazione accesa» e piu’ adatta ad un film di spionaggio. Il piu’ conciliante di tutti, pero’, e’ stato il ministro dello sport russo, Vitaly Mutko. Ieri sera aveva diffuso un comunicato nel quale assicurava la disponibilita’ a cooperare piu’ strettamente con la Wada e il «pieno impegno del Paese e combattere il doping nello sport». Stasera, dopo essersi sentito con i presidenti della Wada e della Iaaf, ha detto di non vedere «ostacoli insormontabili per risolvere la situazione». «Non posso neppure immaginare una Olimpiade senza la Russia», ha sottolineato. Ma il Cio avvisa: «vista la politica di tolleranza zero nei confronti del doping, prenderemo tutte le misure e le sanzioni necessarie per quanto riguarda l’eventuale ritiro e riassegnazione delle medaglie, nonché l’esclusione dai futuri Giochi». «I risultati dei test antidoping di Sochi, dove la Russia arrivo’ prima, »sono credibili« ma »saranno ritestati«, aggiunge il Cio. Lo scandalo doping ha tenuto banco oggi a Francoforte anche alla riunione del consiglio europeo delle federazioni di atletica leggera e di nove membri ed ex membri del consiglio Iaaf: »e’ un momento buio e triste per l’atletica«, hanno concordato i partecipanti, auspicando riforme della governance della Iaaf e dei sistemi anti doping nazionali, nonché esprimendo all’unanimita’ »pieno sostegno« e »piena fiducia« al presidente della Iaaf Sebastian Coe.

Ti potrebbero interessare anche:

Vieri e Brocchi, crack milionario. Coinvolte anche le madri
Scherma: Mondiali;fioretto d'oro,Italia chiude vincendo
Jurgen Klopp ricoperto d'oro a Liverpool: 30 milioni di euro
Diritti tv Serie A, accordo illecito: l'Antitrust multa Mediaset Premium e Sky
Maradona: l'amore di Napoli è incredibile, pronto a lavorare per il club
'TUTTO FINISCE'MA SARRI SI PRENDE ALTRI 2 GIORNI



wordpress stat