| categoria: Senza categoria

CORTE CONTI CICCARELLI, TRANSAZIONE SU INRCA ENTRO L’ANNO

(ANSA) – ANCONA, 17 NOV – Una «transazione» entro l’anno per chiudere la criticità relativa all’Inrca sul quale la Corte dei Conti ha mosso alcuni appunti in sede di giudizio di parifica. Lo ha annunciato oggi il direttore del Servizio Sanità della Regione Marche Piero Ciccarelli a margine dell’udienza. I rilievi mossi dalla sezione di controllo riguardano in particolare i bilanci approvati limitatamente alla sezione marchigiana (l’Inrca ha sedi anche in Lombardia e in Calabria) e il ricorso con continuità ad anticipazioni di tesoreria nel 2014. «Dovremmo riuscire entro quest’anno a chiudere questa criticità – ha spiegato Ciccarelli -; c’è una gestione pregressa che sarà recuperata all’interno di una transazione che stiamo concludendo». L’Inrca, ha proseguito, «è l’unico istituto che ha sedi in tre regioni diverse: noi e quella lombarda siamo in equilibrio economico e la Calabria invece è in piano di rientro. Dunque ci sono difficoltà nella chiusura di bilancio anche per la non coerenza di tempi e chiusura delle sedi. Dovremmo riuscire entro quest’anno a chiudere la criticità». Nel 2014, ha chiosato sulla sanità, il «margine di utile della Gestione sanitaria accentrata è positivo per circa 62,5 milioni di euro di cui 226 mila euro degli enti sanitari». «Lo sforamento della spesa farmaceutica – ha precisato in relazione a un altro dei rilievi della Corte – è meno di un milione di euro su 244 per quella territoriale: non tiene conto che nel 2013 non è compreso il ‘Pay back’ (un meccanismo che impone alle aziende farmaceutiche di coprire la metà degli sforamenti ospedalieri di spesa sui farmaci; ndr) di 9 milioni di euro – oltre 7 milioni per la spesa ospedaliera e 1,9 milioni per la territoriale – che doveva andare nel bilancio 2014 e che ci avrebbe fatto rimanere ampiamente nel tetto. La Regione, prudentemente, lo ha inserito ma lo ha sterilizzato con una quota di rischio non valutandolo nel bilancio, perchè sapevamo che industrie farmaceutiche avevano presentato ricorsi». Presto, ha riferito Ciccarelli, con lo stesso decreto che salvaguarderà anche il Piemonte dalla parifica, «verrà assegnato il ‘Pay Back’ per 2013 e 2014 che potrà essere inserito nel bilancio 2015». Per la spesa ospedaliera, ha osservato Ciccarelli, «il tetto viene sfondato da tutti. Il problema è che non viene aggiornato nonostante entrino farmaci innovativi nuovi: oncologici, epatite C, per la cura di malattie croniche degenerative. Vengono annunciati farmaci per carcinoma polmonare e del pacreas, oggi incurabili». Sono «costi in più, che magari verranno poi in parte rimborsati ma in più e se non aggiornano i tetti…». (ANSA). YA2-DAN

Ti potrebbero interessare anche:

Firenze, arrestato per concussione direttore Agenzia delle Entrate
Forse agli italiani piacerebbe che il "vaffa" venisse dal Colle. Presidente, pensaci tu
SCHEDA/ Tre mln euro e 18 mesi per sperimentazione Stamina
BOX/ Le sanzioni Usa colpiscono un omonimo del capo staff del Cremlino
ABRUZZO/ Binario unico come in Puglia, sfiorata la tragedia. La rete ferroviaria è un disastro
Rimborsi ai medici per malati morti: pagherà la Asl, decisione Corte dei Conti



wordpress stat