| categoria: In breve

Ostia, la preside vieta a scuola la merenda portata da casa

Vietata la torta della nonna e via libera al biscotto biologico. Alla scuola elementare “Garrone” di Ostia una circolare del dirigente scolastico manda su tutte le furie i genitori dei bambini che frequentano l’istituto di Corso Duca di Genova. Il preside di ferro mette al bando la merenda portata da casa: niente pizzette, né panini. In alternativa, i piccoli studenti potranno usufruire del menù della mensa che prevede un succo di frutta accompagnato da un biscotto oppure, in sostituzione, da alcuni salatini.
In una nota, il preside ribadisce le linee guida delle disposizioni volute dal Comune di Roma in merito all’educazione alimentare e allo stesso tempo obbliga le insegnanti a controllare. «Le maestre invitano gli alunni a non tirare fuori le merende portate da casa – ha precisato il preside Maurizio Durante – e se i ragazzi lo fanno, viene chiesto loro di rimetterle nello zaino. Rientra tutto in un progetto educativo per chi fa il tempo pieno – ha continuato il dirigente – i bambini non possono mangiare solo quello che portano da casa. C’è da combattere anche una cattiva educazione alimentare fatta dai genitori nei confronti dei propri figli. Non possiamo avere i bambini obesi come in Germania e in America. I bambini delle elementari sono i più viziati». Parole di fuoco che da giorni tengono acceso il dibattito tra la scuola e le famiglie. «Se la mangiassero loro questa misera colazione – tuona Orietta, una rappresentante dei genitori- mio figlio mangia quello che dico io». «Quello che contestiamo – le fa eco un’altra mamma- è il fatto che le merende che sono state adottate dalla scuola non sono adatte né per la qualità né per la quantità. I biscotti sono secchi, il pane pure». «Neanche uno yogurt si può portare – aggiunge un papà – è assurdo!».
Contro le disposizioni del preside è stata avviata anche una raccolta firme,ma nessuno riesce a convincere il dirigente scolastico a fare marcia indietro. Dall’ istituto fanno comunque sapere che dietro queste nuove direttive ci sono nutrizionisti e tecnici del comune di Roma che decidono i menù e sorvegliano sugli appalti. Anche se la Uil di Roma denunciò la stranezza per cui nel sistema di affidamenti del servizio mensa nei municipi della Capitale compaiano sempre le stesse coop.

Ti potrebbero interessare anche:

Appalti truccati, sedici arresti in Calabria
Indagato a Napoli il presidente di Trenitalia
SUPERMARKET/ Coop punta sul Lazio e compra 52 supermercati
FIRENZE/ Notte Bianca da record, oltre 150mila partecipanti
Vincenzo Busa nuovo presidente Equitalia
Terrorismo: vietato accesso in ospedali lombardi con burqa



wordpress stat