| categoria: Dall'interno

Tangenti, scarcerato Mantovani. “Dimosterò l’innocenza”

– In carcere si era fatto crescere la barba, mangiava poco e invocava, attraverso il suo legale, «un briciolo di garantismo». Ed oggi, nel tardo pomeriggio, dopo quasi un mese e mezzo di detenzione a San Vittore, Mario Mantovani, l’ex vicepresidente della Regione Lombardia arrestato lo scorso 13 ottobre per corruzione, concussione e turbativa d’asta, è stato scarcerato ed è tornato a casa, agli arresti domiciliari. «Ora – ha spiegato alle persone a lui più vicine – dimostrerò la mia innocenza, perchè io sono la stessa persona che ero 42 giorni fa, prima di finire dietro le sbarre». Ad annunciare la scarcerazione del politico di Forza Italia, che è stato anche assessore lombardo alla Sanità, senatore, sottosegretario e sindaco di Arconate (Milano), sono stati il coordinatore lombardo del partito, Mariastella Gelmini, e il coordinatore provinciale milanese Luca Squeri, durante un convegno. «Mi è arrivata la telefonata che Mario Mantovani è stato scarcerato, questa sicuramente è una buona notizia», ha detto Squeri. E Andrea Camaiora, spin doctor e regista della comunicazione dell’ex ‘numero duè del Pirellone, ha dato subito il via ad una «campagna social’ #mantovaniscarcerato e #mantovanionesto con banner che stanno iniziando a girare su Facebook e Twitter», e «tra stasera e domani – ha spiegato – la rete sarà inondata delle testimonianze di affetto e vicinanza giunte al senatore da centinaia di persone». La difesa di Mantovani, già nelle scorse settimane, aveva presentato un’istanza di scarcerazione al gip Stefania Pepe che l’aveva respinta. E, in seguito, aveva fatto ricorso al Riesame che aveva nuovamente confermato l’ordinanza di custodia in carcere (si è in attesa del deposito delle motivazioni). Nei giorni scorsi, pero, l’avvocato Roberto Lassini, legale del politico, ha presentato una seconda istanza al gip «sulla base del fatto – come ha chiarito il difensore – che sono venute meno le esigenze cautelari che giustificano il carcere» e questa volta la richiesta è stata accolta dal giudice. Per il gip, infatti, non sussiste più il pericolo di «inquinamento probatorio». E stavolta, tra l’altro, lo stesso pm Giovanni Polizzi, che si appresta a chiudere le indagini, aveva dato parere favorevole (il giudice aveva chiesto anche un’integrazione del parere) alla scarcerazione e alla concessione dei domiciliari. «Io sono la stessa persona che ero 42 giorni fa – ha spiegato Mantovani a chi gli sta vicino – e rimarrò la stessa persona per dimostrare la mia innocenza, mentre questa è stata una carcerazione preventiva inutile, anche ai fini processuali, e molto dannosa». E il suo legale ha sottolineato come l’ex assessore sin da subito si è sottoposto all’interrogatorio del gip «e per circa 6 ore». Stando alle indagini, Mantovani da assessore alla Sanità avrebbe truccato una gara d’appalto da 11 milioni di euro sul trasporto dei malati dializzati. Mentre, da sindaco di Arconate (Milano) e senatore del Pdl, avrebbe avuto un architetto a sua «esclusiva disposizione» a cui avrebbe fatto ottenere incarichi pubblici in cambio di lavori gratuiti su alcuni suoi immobili. In più, sempre secondo l’accusa, dal 2012 al 2014 avrebbe «abusato» dei suoi ruoli istituzionali per fare «decise» pressioni con lo scopo di fare reintegrare nel suo incarico di funzionario al Provveditorato Opere Pubbliche della Lombardia, Angelo Bianchi (anche lui arrestato, assieme al collaboratore di Mantovani, Giacomo Di Capua). Oggi, tra l’altro, è stato interrogato in Procura, su sua richiesta, l’assessore all’Economia della Regione Lombardia Massimo Garavaglia, esponente della Lega Nord, indagato (difeso dal legale Jacopo Pensa) per turbativa d’asta nella stessa indagine e per il ‘capitolò della presunta gara truccata sul trasporto dei malati.

Ti potrebbero interessare anche:

Ilva, un morto e un ferito in cokerie, otto indagati, l'azienda sospende l'attività
Ciampi operato all'anca a Bolzano, condizioni generali buone
Tangenti per concorso Gdf, ai domiciliari tre marescialli
Incidente a Gardaland, bimba in ospedale
CAVALLETTE FLAGELLANO IL NUORESE, ALLARME COLDIRETTI
Venezia, convocato secondo tavolo per le Grandi Navi



wordpress stat