| categoria: esteri

USA/ Bacio del Papa a bambina malata: “massa tumorale si è ridotta”

Un miracolo dovuto a papa Francesco: così i coniugi Joey e Kristen Masciantonio definiscono la riduzione del tumore maligno che ha colpito la loro figlioletta di un anno, Gianna, dopo che il pontefice le ha dato un bacio sulla fronte durante la sua visita a Filadelfia, nel settembre scorso. La bimba ha un tumore inoperabile al cervello dovuto alle cellule del sangue che hanno attaccato il tronco cerebrale e per 8 mesi è rimasta ricoverata in ospedale. Fino a quando i medici hanno detto ai coniugi, residenti a Warrington, in Pennsylvania, che per lei non c’era nulla da fare e le hanno consigliato di portare la bimba a casa per stare con lei il più possibile. A settembre, Joey e Kristen decidono di andare a Filadelfia per vedere papa Francesco e riescono ad avvicinarsi il più possibile a lui grazie ad un amico delle forze dell’ordine. Il capo della Gendarmeria vaticana, Domenico Giani, prende la bimba dalle braccia della madre e la porta al papa che le dà un bacio sulla fronte, proprio dove si trova il tumore. A due mesi da quel saluto, la tac ha mostrato che la massa si è notevolmente ridotta e i coniugi Masciantonio credono al miracolo di Francesco. Anche se la piccola si è sottoposta a diverse sedute di chemioterapia fin dalla nascita che hanno portato a piccole riduzione del tumore, il padre sostiene che «una massiccia riduzione» si e’ avuta tra agosto e novembre. «È stata una benedizione. Credo davvero che il papa sia un messaggero di Dio», ha detto Joey Masciantonio. La piccola Gianna porta il nome di Santa Gianna Beretta Molla, una pediatria morta nel 1962 e venerata come santa dalla Chiesa cattolica. Incinta, con un tumore all’utero, preferì morire anziché accettare cure che arrecassero danno al feto. Fu canonizzata nel 2004 da papa Giovanni Paolo II. Tra l’altro, la figlia della santa ha incontrato i coniugi Masciantonio durante la visita di Francesco.

Ti potrebbero interessare anche:

EBOLA/Per i produttori del farmaco ZMapp, le dosi inviate in Africa sono esaurite
GAZA/Esplode una bomba, muore giornalista italiano
Si tratta per Gaza, altre 24 ore di cessate il fuoco
TERRORISMO/ PM indagano su un "emiro" legato ai vertici dell'Isis
Migranti, la Norvegia offre mille euro a testa per mandarli via
ISIS/ Al via la battaglia per liberare Mosul dall'Isis



wordpress stat