| categoria: sanità

L’82% dei medici testimone degli sprechi in sanità

Sono la burocrazia, gli esami inutili e il malaffare a strozzare il Servizio sanitario nazionale e bruciare risorse e fondi pubblici che potrebbero invece essere destinati all’assistenza e cura dei pazienti. L’82% dei medici ha avuto esperienza diretta di queste situazioni di spreco in sanità. È il quadro che emerge dall’indagine promossa dall’Adnkronos Salute, a settembre-ottobre, fra i medici e i farmacisti iscritti a Doctor’s Life (canale 440 di Sky). Alle 5 domande che riguardavano gli sprechi in sanità hanno risposto 1.849 soggetti, il 95% medici (1.757) di cui 74% uomini. Le Regioni più rappresentative sono state la Lombardia (226), la Campania (205), la Sicilia (160) e la Puglia (116). Nella classifica degli sprechi in corsia – secondo gli intervistati – figurano gli esami inutili (34,21%), la burocrazia (26,97%), il malaffare (23,64%), la poca preparazione dei manager (15,18%). Mentre sulle misure per contrastare gli sprechi, il campione intervistato si divide: secondo il 48,6% dei medici interpellati, le iniziative come la spending review e i costi standard possono «contribuire a contrastare il fenomeno». Visione opposta per il 33,8% che sottolinea come «non servono», il 17,5% è invece indeciso e ha risposto con un «non so».

Ti potrebbero interessare anche:

FARMACI/ L'alleanza di 10 big dell'industria farmaceutica contro 4 malattie
Stati generali della salute, al via a Roma
Da nuovi ticket a scadenza patto, verso mesi caldi per la Sanità italiana
Gran Bretagna, malata di cancro muore a 14 anni, giudice autorizza l'ibernazione
AIDS FA ANCORA PAURA,RISCHI NUOVE EPIDEMIE SE STOP CURE
MENINGITE: GALLERA, 'NESSUNA EPIDEMIA, VACCINIAMO STUDENTI IN SEDI SCUOLE



wordpress stat