| categoria: politica

TERRORISMO/Da Fi programma in 12 punti “per difeda della patria e del cittadino”

Forza Italia lancia la sua proposta per far fronte all’emergenza del terrorismo. È quanto prevede il piano, in 12 punti, elaborato dal partito azzurro «per dare più sicurezza al popolo italiano, una sicurezza che tuteli libertà e necessità di reagire a un pericolo incombente, affrontando le metastasi di un cancro che cerca di insediarsi tra noi e vuole colpirci». Dodici le priorità individuate: «1. Conferma della partecipazione italiana alle missioni internazionali di pace e alla coalizione già impegnata nell’area siriana; 2. Stanziamenti economici immediati per il rinnovo dei contratti del comparto sicurezza-difesa; 3. Rafforzamento del ruolo dell’intelligence e tutela degli agenti; 4. Maggiore impiego delle forze armate nella vigilanza di obiettivi fissi e nel controllo del territorio interno e nelle zone di confine; 5. Piano organico di controllo del territorio; 6. Revisione delle normative penali vigenti». «7. Introduzione di una disciplina più efficace della legittima difesa; 8. Come ha chiesto il Presidente Hollande, distinguere con maggiore precisione i profughi che scappano dalle guerre dai clandestini, che devono essere immediatamente espulsi dai nostri Paesi. A tal fine è possibile introdurre misure per rendere più efficiente e veloce il lavoro delle Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale; 9. In considerazione della possibilità per l’ordinamento italiano che la cittadinanza possa essere revocata al cittadino che abbia svolto attività in contrasto con i doveri di fedeltà verso lo Stato, prevedere la revoca della cittadinanza ai foreign fighters e a tutti i terroristi neo-jihadisti».«10. Uso corretto delle possibilità di incremento delle spese per la sicurezza dal terrorismo che potranno essere autorizzate dall’Unione Europea; 11. Istituzione dell’albo-Registro pubblico delle moschee e dell’Albo nazionale degli imam; 12. Garantire con immediatezza a tutti i gruppi parlamentari la rappresentanza all’interno del Copasir». «Il Patrioct Act – sottolineano poi i parlamentari azzurri – è stato a suo tempo la risposta data al terrore nel più grande Paese democratico investito dal terrorismo, cioè gli Stati Uniti d’America. L’Italia è diversa, la cornice costituzionale è diversa. Ma i valori che intendiamo difendere, con equilibrio, senza rinunciare ad alcun diritto fondamentale, appartengono alla civiltà». «Ci diranno che il titolo del piano, ‘Per la difesa della Patria e degli Italiani’, incendia gli animi e propone termini che molti ritengono ‘di parte’. Questa formula in realtà è stata attinta così com’è dalla Costituzione, puro parto dei Padri della Repubblica», scrivono i rappresentanti azzurri. «’La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino’», ricordano i parlamentari di Fi: «Tanto più è sacro dovere dello Stato, del governo, del Parlamento. Così i rappresentanti del popolo di Forza Italia si fanno promotori di una serie di disegni di legge che valgano a dare una difesa adeguata ai cittadini e alle istituzioni». «Forza Italia avanza proposte precise al tavolo delle forze politiche del centrodestra e si rivolge, altresì, al Presidente del Consiglio Matteo Renzi affinché si apra un confronto a partire dal contributo del nostro movimento. Questo sarebbe un modo eccellente di dare seguito al giusto invito del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per una ‘coesione e compattezza’ nazionali: con la concretezza di scelte forti e adeguate», conclude la nota azzurra.

Ti potrebbero interessare anche:

MALTEMPO/ Renzi, come gli angeli di Genova io spalo il fango della burocrazia
Mara Venier sindaco di Venezia? E' la candidata di Berlusconi
SCHEDA/ PA, da dirigenti ai forestali, la riforma Madia
I Ministeri limano i budget, no al rinvio sulle pensioni
FOCUS/ Di Mai torna dopo il silenzio. Io leader? Decide la rete
Elezioni, Grasso: 'Disponibili a governo di scopo con Renzi e Berlusconi'



wordpress stat