| categoria: Dall'interno, Senza categoria

ABRUZZO/ Tutti assolti dal Tribunale di Pescara al processo su “Rifiutopoli”

Il Giudice del Tribunale collegiale di Pescara, Angelo Zaccagnini, ha assolto oggi l’ex assessore regionale Lanfranco Venturoni, l’imprenditore Rodolfo Di Zio e il deputato di Forza Italia Fabrizio Di Stefano «perché il fatto non sussiste». Assolti anche nello stesso procedimento, «per non aver commesso il fatto» l’imprenditore Ferdinando Ettore Di Zio e l’ex amministratore delegato della società Team Teramo Ambiente Vittorio Cardarella. Gli imputati erano accusati, a vario titolo, di corruzione, istigazione alla corruzione, abuso d’ufficio, peculato, turbativa d’asta e millantato credito. Nella requisitoria il pm aveva chiesto cinque anni per Venturoni e Di Zio e un anno per tutti gli altri imputati. Il processo meglio conosciuto come la «rifiutopoli abruzzese» era partito nel 2008 ed era legato al progetto di realizzazione di un impianto di bioessicazione a Teramo.

Ti potrebbero interessare anche:

LOMBARDIA/ Ambrosoli, favorevole ad apparentamento con i radicali
Ballottaggi, il Pd cerca l'en plein
TRASPORTI/ Zingaretti, nel 2014 per i pendolari del Lazio 11 treni in più
Vercelli: omicidio Matilda, la Cassazione riapre il caso
RSA/ Aiop Lazio: “Qui i pazienti vengono curati, non confondetele con le case di riposo-lager”
Sbarca a Roma l’Edicola Sociale



wordpress stat