| categoria: attualità

“Olio 100% italiano”. In realtà veniva dal Marocco. Scoperta maxi frode in Puglia

Con una tecnica innovativa del riconoscimento del Dna delle ‘cultivar di olivò presenti nell’olio (analisi molecolare), il Corpo forestale dello Stato, su delega della Dda di Bari, ha scoperto tra Brindisi e Bari una maxifrode su 7.000 tonnellate di olio spacciato come ‘100% italianò, ma in realtà ottenuto mediante la miscelazione di oli presumibilmente extravergini provenienti anche da Paesi extra Ue (Siria, Turchia, Marocco e Tunisia). L’olio veniva venduto sul mercato italiano e internazionale (statunitense e giapponese) con la dicitura 100% italiano, configurando così una frode in danno al Made in Italy. Sei le persone indagate per frode in commercio e contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari. I controlli hanno interessato aziende di Fasano, Grumo Appula e Monopoli e un laboratorio di certificazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Sanita': Robotica in chirurgia digestiva, al Gemelli vantaggi e costi
Abolite le province, vince il "modello Sicilia"
Dagli Uffizi a Venezia: la nuova mappa del potere nei musei ai tempi di Franceschini
SIRIA/ Attacchi a ribelli e turkmeni, i perchè delle tensioni Mosca-Ankara
Palermo: clochard bruciato vivo. E' caccia all'uomo.
OPEN/ Renzi,Boschi,Lotti indagati per finanziamento a partiti



wordpress stat