| categoria: Roma e Lazio

In troppi rinunciano alla reperibilità, braccio di ferro tra il comando e i vigili romani

«Sempre più agenti del Corpo di Polizia Locale Roma Capitale, stanno chiedendo in questi giorni di essere depennati dall’istituto della reperibilità, una formula a carattere volontario che prevede, a fronte del pagamento di una voce salariale mensile, la disponibilità dei caschi bianchi a presentarsi in servizio in caso di emergenze cittadine. Mai era avvenuto che in un un Corpo, dove gli agenti facevano ‘a garà per accorrere alle chiamate della società civile (si pensi al sisma dell’Aquila od al meno recente terremoto in Umbria) i caschi bianchi decidessero di cancellarsi in massa dall’istituto della reperibilità, voltando di fatto le spalle al Comando del Corpo. Le ‘dimensionì del fenomeno e la preoccupazione che esso suscita, sono confermati dalla disposizione di servizio emessa ieri 05/12/2015 dalla Vice Comandante del Corpo e Comandante interinale della U.O. G.P.I.T. (Prot.90036), con la quale la stessa ‘tentà di arginare il fenomeno, asserendo di non voler prendere in considerazione tali ‘rinuncè per il periodo prossimo venturo». Così in una nota Ugl Polizia locale Roma. «Con la disposizione di servizio del 05/12 la Dottoressa Modafferi persiste nei comportamenti autoritari che hanno contraddistinto questa dirigenza fin dal momento del proprio insediamento – dichiara in una nota Marco Milani, Coordinatore Romano UGL-Polizia Locale – l’istituto della reperibilità è infatti un istituto volontario da parte del dipendente, per il quale, qualora si volesse imporne l’obbligo in servizio, si dovrebbe ricorrere al ben diverso istituto della precettazione. La circolare in questione dimostra infine la profonda disaffezione del personale nei confronti dei propri vertici, mai infatti era accaduto che un così alto numero di persone, rinunciasse a rendersi reperibile in caso di emergenza. Lo scollamento profondo e riteniamo irreversibile, tra gli agenti ed il Comando, che vide il proprio apice nei fatti avvenuti lo scorso capodanno, resta uno dei problemi più gravi che attanagliano il Corpo ed a cui nessuno a tutt’oggi, sembra voler trovare soluzione».

Ti potrebbero interessare anche:

ELETTORANDO/Alemanno, se perdo resto in Campidoglio a fare opposizione
Tronca ha un piano per salvare la città
EETTORANDO/ Meloni: «Per riparare le buche coinvolgere i privati, Colosseo gestito dal Comune
Vigili assenti a Capodanno, colpo di spugna della Procura: solo in 26 verso il processo
Blitz all'Ama in diretta streaming. I terroristi possono nascondere bombe tra la spazzatura? Lo dice...
FOCUS/ ARRESTO DE VITO:BALDISSONI,STADIO DIRITTO ACQUISITO



wordpress stat