| categoria: In breve, Senza categoria

SCHEDA/ Eurodac, sistema Ue per impronte digitali migranti

Una sorta di banca dati europea delle impronte digitali dei migranti, irregolari o rifugiati, operativa da gennaio 2003. È Eurodac, il sistema di ‘European Dactyloscopie’ (dattiloscopia europea), pilastro fondamentale per l’applicazione del regolamento di Dublino in quanto determina il paese di primo ingresso che si dovrà accollare la richiesta di asilo o di protezione internazionale del migrante. L’obiettivo della creazione di questo database, che ha sede in Lussemburgo, è duplice. Da una parte intende evitare che la stessa persona possa inoltrare più richieste di asilo in paesi diversi, o che rifaccia domanda dopo aver già ricevuto un primo rifiuto. E dall’altra vuole impedire che un immigrato clandestino si sposti liberamente nell’Ue, permettendone invece l’identificazione immediata grazie a un archivio europeo. Le impronte, obbligatorie dai 14 anni in su, vengono inviate dai centri nazionali verso l’unità centrale per essere conservate 10 anni nel caso dei richiedenti asilo e per 2 anni nel caso dei clandestini. Sono cancellate in caso di ottenimento della cittadinanza, permesso di soggiorno o abbandono del territorio europeo.

Ti potrebbero interessare anche:

Per il ponte si muovono in sette milioni di italiani, +1,7%
TORINO/ Troppo alcol alla festa per fine scuola, sette ragazzini in ospedale
La coperta è troppo corta, Renzi deve scontentare tutti
Sammontana, corpo estraneo in croissant, stop a vendita
Tornano liberi Marra e Scarpellini
La terremotata Peppina sfrattata a 95 anni: "Voglio morire nel mio paese”



wordpress stat