| categoria: Scienza

TUMORI/ Arma contro le leucemie da cellule “a lunga memoria”

Una nuova arma contro i tumori potrebbe annidarsi nel nostro stesso sistema immunitario: cellule dalla lunga memoria che, ‘armate’ in laboratorio, potranno combattere meglio la leucemia. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano, con uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Science Translational Medicine. Lo studio è stato finanziato dall’Associazione italiana ricerca cancro (Airc) e dall’Associazione italiana contro le leucemie (Ail). I ricercatori, guidati da Chiara Bonini e Fabio Ciceri, si sono concentrati su pazienti affetti da leucemia acuta che avevano ricevuto a partire dal 2000 un trapianto di midollo osseo da donatore familiare parzialmente compatibile. La sperimentazione prevedeva l’infusione di linfociti T del donatore, modificati geneticamente con un gene ‘suicida’ chiamato TK, al fine di dare ai pazienti un nuovo sistema immunitario capace di combattere la leucemia e di difenderli dalle infezioni. «Ci siamo chiesti quale, tra tutti i tipi di linfociti T che erano stati infusi 2-14 anni prima – spiegano gli scienziati – fosse capace di persistere a lungo termine. E il più adatto era quello delle cellule ‘memory stem T’: da anni stiamo studiando il loro ruolo nella memoria immunologica, e in questo studio abbiamo verificato il loro effettivo contributo in pazienti con leucemia». La scoperta ha importanti conseguenze per lo sviluppo dell’immunoterapia dei tumori. «Oggi è possibile ‘armare’ geneticamente i linfociti T in modo che riconoscano ed eliminino le cellule tumorali residue con precisione ed efficacia. Ora possiamo supporre che se armiamo geneticamente le cellule memory stem T, queste sopravviveranno molto a lungo nel paziente, contribuendo a mantenere in remissione la malattia».

Ti potrebbero interessare anche:

Ricerca: nuove sovvenzioni per centri di eccellenza
Semplice test della saliva rivela il rischio di demenza
Diabete, mutazione di un gene protegge da complicanze
Tetraplegico si versa l'acqua in un bicchiere grazie a un chip nel cervello
Scoperto il gene che nasconde gli anni
I segni di depressione e stress non solo sul viso, ma sul Dna



wordpress stat