| categoria: attualità

Salva-Banche e Salva-Boschi, è un caso politico. Il Pd fa quadrato

Sarà il ministro per le riforme Costituzionali e per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, a chiudere i lavori della seconda giornata della Leopolda .Ma non si placano le polemiche politiche che l’hanno investita dopo la richiesta di dimissioni giunta da Roberto Saviano per il presunto conflitto di interessi in seguito alla vicenda della Banca Etruria, di cui suo padre è stato vicepresidente, una delle quattro banche ‘salvate’ dal governo. In molti la difendono a spada tratta, come alcuni ministri e Susanna Camusso, segretario Cgil. Il Pd si divide tra chi la difende senza se e senza ma, e chi lo fa ma con qualche distinguo, dando ragione nel merito a Saviano, ma sostenendo che esagera sulle dimissioni. E chi, invece, chiede al ministro un passo indietro: quasi tutte le opposizioni, tranne la Lega. Ma lo scrittore insiste: “Se resta al suo posto, Leopolda riunione di vecchi arnesi affamati”.

M5S, Sel e Fi si schierano con Saviano. “Saviano – dice il Nichi Vendola – ha il merito, o il torto, di chiamare in causa il governo sul conflitto d’interessi. Un ingrediente di retorica renziana fino a quando Renzi non è entrato a Palazzo Chigi. Poi il tema è sparito”. Per Annamaria Bernini, Fi, “di fronte a conseguenze così tragiche ed enormi, dovremmo forse accontentarci delle rassicurazioni di Delrio che autocertifica l’assenza di conflitti di interesse del ministro Boschi? Il conflitto, con buona pace del governo, c’è ed è evidente. Lo hanno capito tutti, risparmiatori compresi. Purtroppo, troppo tardi”. “Il ministro Boschi deve dimettersi e il Paese ha diritto di sapere se le misure del governo su Banca Etruria abbiano favorito suoi parenti”. Lo chiede in un tweet Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5s.

Minoranza dem: “Saviano esagera”. La sinistra Pd non cavalca la richiesta di dimissioni avanzata da Saviano. Anzi, la giudica “esagerata”. E da questa linea non si discosta nessuno: la pensa così Cuperlo, si dice d’accordo Bersani, mentre il vicesegretario Lorenzo Guerini nega in maniera categorica che sia scesa “un’ombra sulla Boschi, nè il governo da questa vicenda esce indebolito”. “Il ragionamento generale” di Roberto Saviano, spiega per tutti Pier Luigi Bersani, già segretario del Pd, è “giusto e condivisibile. Ma le sue conclusioni sono esagerate”.

In difesa di Boschi alcuni ministri, l’Ncd e la Cgil. Roberta Pinotti, ministro della Difesa (pd): “Non riesco a capire dove sia il conflitto di interessi, perché quello che ha fatto il governo è stato salvare 4 banche. Non le dirigenze, ma coloro che ci lavorano e tutti i correntisti”. Enrico Franceschini, ministro dei Beni Culturali, leader di ‘area dem’: “La Boschi è una persona rigorosa e trasparente. Il conflitto di interessi è una cosa precisa, quindi mi sembra assolutamente fuori luogo associare l’autorevolezza acquisita in altri campi per emettere sentenze senza fondamento”. Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione: “Le parole di Saviano nei confronti del ministro Boschi sono assolutamente ingenerose e fuori luogo”. Fabrizio Cicchitto, senatore Ncd: “Se siamo ancora un Paese civile, le responsabilità quali che siano, o addirittura non siano, dei padri non possono ricadere sui figli. Per questo va difesa Boschi”. Susanna Camusso, segretario della Cgil: “Io penso sempre che le responsabilità siano individualie che ognuno fa i conti con la sua coscienza”.

La replica dello scrittore. Il ministro Boschi chiarisca, sul caso Banca Etruria ci sono “troppe opacità”. Se non lo farà, “restando al suo posto, significa che “nulla è cambiato, la Leopolda è una riunione di vecchi arnesi affamati” e “il Pd un’accolita che difende i malversatori a scapito dei piccoli risparmiatori”. Parole affidate anche oggi ad un post sul suo profilo Facebook.

“Il Pd – esordisce Saviano – mi accusa di delirare quando chiedo le dimissioni del ministro Boschi, come se fosse lesa maestà chiederle di chiarire le troppe opacità del caso banca etruria, dato il suo diretto coinvolgimento familiare. Alberto Statera descrive bene come sia maturato il buco di bilancio di Banca Etruria, che dovranno ripianare anche i tanti obbligazionisti come Luigino d’Angelo (il pensionato che si è tolto la vita) che, molto probabilmente, non erano stati informati dei rischi cui andavano incontro”.

“Se il ministro Boschi dovesse rifiutare spiegazioni, restando al suo posto nonostante il pesante coinvolgimento della sua famiglia in questa gravissima vicenda che avrà probabilmente sviluppi giudiziari (come potrebbe non averne?), vorrà dire – afferma ancora Saviano – che nulla è cambiato, la Leopolda è una riunione di vecchi arnesi affamati, resi più accettabili dalla giovane età e dall’essere venuti dopo Berlusconi, e il pd un’accolita che difende i malversatori a scapito dei piccoli risparmiatori”.

Ti potrebbero interessare anche:

L'ANALISI/ E adesso l'Europa deve salvare la Tunisia prima che sia troppo tardi
Orban rastrella migranti. Vienna evoca il nazismo
Stato d'emergenza e leggi speciali, la Francia si blinda
Germania, exit poll: alle regionali la destra sorpassa il partito della Merkel
"Morirò per Allah". Attacco all'aeroporto di Orly. Nello zaino una tanica di benzina
Cogne, Annamaria Franzoni libera con 3 mesi di anticipo



wordpress stat