| categoria: Dall'interno

Cucchi, sei anni di inchieste, perizie, processi

La sentenza della Cassazione, che ha disposto un processo d’appello bis per 5 medici dell’ospedale Pertini di Roma e ha definitivamente assolto poliziotti penitenziari ed infermieri coinvolti nella vicenda, costituisce l’ultimo tassello, in ordine temporale, di una storia iniziata nel 2009, quando il giovane geometra romano fu arrestato nella Capitale per droga. Era la notte del 15 ottobre 2009, quando Stefano Cucchi fu arrestato dai carabinieri perchè trovato in possesso di sostanza stupefacente. Già nel cuore di quella notte si sentì male mentre era in caserma; tant’è che fu chiamata l’ambulanza, ma lui rifiutò di essere curato. Il giorno dopo fu portato in udienza, nel tribunale di Roma, per la convalida del suo arresto. Le sue condizioni portarono in tempi brevi a una peggioramento che lo fece finire al reparto detenuti dell’ospedale ‘Pertinì di Roma. Lì, una settimana dopo, all’alba del 22 ottobre, morì. La storia processuale vide l’iscrizione nel registro degli indagati di dodici persone: sei medici, tre infermieri e tre agenti della penitenziaria. Terribili le accuse mosse dalla procura capitolina: a vario titolo e secondo le specifiche posizioni, abbandono di incapace, abuso d’ufficio, favoreggiamento, falsità ideologica, lesioni ed abuso di autorità. Terribile la tesi accusatoria iniziale: per la procura, infatti, Cucchi era stato ‘pestatò nelle celle del tribunale, in ospedale erano state ignorate le sue richieste e addirittura era stato abbandonato e lasciato morire di fame e sete. È stato un processo impegnativo quello istruito davanti alla III Corte d’assise di Roma; un processo nel quale ci sono state decine di consulenze, una maxi-perizia, le dichiarazioni di quasi 150 testimoni. Due anni di lavoro al termine dei quali i giudici arrivarono a una conclusione diversa da quella prospettata dai pm. Per la III Corte d’assise, in sostanza, Cucchi non fu ‘pestatò nelle celle, ma morì in ospedale per malnutrizione e l’attività dei medici fu segnata da trascuratezza e sciatteria. Ecco perchè decisero che gli unici colpevoli di omicidio colposo fossero i medici e mandarono assolti infermieri e agenti penitenziari. In attesa del processo d’appello, la novità fu un maxi-risarcimento accordato alla famiglia dall’ospedale. A fine settembre, l’apertura del dibattimento durato ben sette udienze. Le novità non sono mancate. Una fra tutte: il Pg Mario Remus ha chiesto il ribaltamento della sentenza di primo grado, aggiungendo alla condanna dei medici anche quella di infermieri e agenti. Per il Pg, in una frase, il ‘pestaggiò Cucchi lo subì, ma dopo e non prima l’udienza di convalida del suo arresto; e poi, tutti ebbero una responsabilità nella morte, e andavano condannati. E la difesa? Tutti a sollecitare l’assoluzione dei propri assistiti, con un di più: la richiesta di nullità della sentenza di primo grado che ha cambiato l’imputazione con la restituzione degli atti al pm per riformularla. Poi il 31 ottobre 2014, la Corte d’assise d’appello di Roma scrisse un’altra verità: imputati tutti assolti, indistintamente, ‘perchè il fatto non sussistè. La formula? Quella che richiama la vecchia insufficienza di prove. Ma ora la Cassazione ha parzialmente cancellato quella sentenza: non convincenti, secondo la Suprema Corte, le motivazioni dell’assoluzione per 5 medici del Pertini, che dovranno essere sottoposti a una processo d’appello-bis per omicidio colposo, mentre è stata confermata ed è diventata definitiva l’assoluzione per i poliziotti penitenziari e gli infermieri coinvolti nella vicenda. Ma la storia è destinata ad avere anche altri seguiti giudiziari: la Procura di Roma, infatti, ha in corso una seconda inchiesta, nella quale si ipotizza – scrive la Procura stessa – che «nella notte tra il 15 ed il 16 ottobre 2009 Stefano Cucchi fu sottoposto ad un violentissimo pestaggio da parte di Carabinieri appartenenti al comando stazione di Roma Appia». Ed è già stata fatta richiesta di incidente probatorio per chiedere al gip una nuova perizia medico legale sulle lesioni patite da Cucchi dopo l’arresto per droga.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Gondoliere dell'incidente Rialto positivo ai test sugli stupefacenti
Scuola, ultime lezioni. E arrivano i calendari pluriennali
Maltempo, neve al Nord e piogge violente al Centro-Sud. Code sull'Autostrada del Sole
MIGRANTI/ Cargo danese con 110 al largo di Pozzallo. In attesa di autorizzazione
CARCERI: DETENUTO SUICIDA A POGGIOREALE, SONO 24 NEL 2018
Modena, Cassazione: carabiniere non violentò studentessa 21enne



wordpress stat