| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Al via il nuovo piano diabete per i 96 centri del lazio

Con il “Piano per la malattia diabetica nella Regione Lazio 2016-2018”, condiviso con le società scientifiche e le associazioni dei malati, si definiscono le linee per la Programmazione, la sistematizzazione dei servizi e per rendere omogenea l’assistenza a favore delle persone con diabete in tutto il territorio della nostra regione. Il decreto è stato firmato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dando seguito a quanto previsto dal Piano Nazionale Diabete e procedendo a riorganizzare e potenziare la rete a disposizione dei pazienti.In particolare è prevista e codificata la “gestione integrata” del paziente come strumento fondamentale per perseguire l’efficacia e l’efficienza delle cure, con l’attivazione di percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA), personalizzati e differenziati a seconda del grado di complessità della malattia del singolo individuo, con programmi di cura dei casi più complessi gestiti prevalentemente dalle strutture specialistiche. Per i casi meno complessi la gestione è di prevalenza dei Medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta.Il documento contiene le linee di indirizzo che devono essere applicate in tutte le Aziende sanitarie del Lazio relative al percorso per favorire l’inserimento a scuola del bambino con diabete e anche i modelli utili a facilitare le procedure relative agli adempimenti previsti.Inoltre viene inserita l’integrazione dei percorsi per prevenzione, diagnosi, terapia e assistenza, e per i sistemi di valutazione tramite indicatori e l’uso di specifiche tecnologie.Nel Lazio la prevalenza del diabete al 31 dicembre 2013 è di 10,3% con un tasso che varia tra le ASL da un minimo di 8,9% a un massimo di 12% negli uomini e da un minimo di 6,4% a un massimo di 10,6% nelle donne. Le persone adulte con diabete sono circa 372.196 e per l’età pediatrica 0-18 circa 2.543. Dai dati del censimento del 2015, predisposto dalla Regione Lazio, risultano 92 strutture diabetologiche per adulti e 4 per età pediatrica distribuite non in modo omogeneo sul nostro territorio. Il ruolo di questa rete sarà potenziato e tutte le strutture saranno collegate in via informatica in modo da garantire la continuità assistenziale.

Ti potrebbero interessare anche:

CIVITAVECCHIA/ Battilocchio candidato sindaco del centrodestra?
I dubbi del boy-scout Letta
Draghi, la Bce è pronta ad agire, ma non sostituisce i governi
Accordo Lvmh-Benetton, il Fontego dei tedeschi riparte dal lusso
La crisi della Marangoni sull’A1. L’autostrada bloccata per ore
Auto Blu, Cottarelli: vedere anche il ruolo degli "autisti blu"



wordpress stat