| categoria: In breve, Senza categoria

INCHIESTA MOSE/ L’ex assessore Chisso torna in carcere

Dovrà scontare il residuo di pena in carcere l’ex assessore regionale alle infrastrutture Renato Chisso accusato di corruzione nell’inchiesta Mose e che aveva patteggiato una pena a due anni e mezzo. Lo ha deciso il Tribunale di sorveglianza di Venezia, che doveva valutare le modalità con cui l’indagato doveva scontare la propria pena. I giudici non hanno sostanzialmente accolto di finire il residuo di pena svolgendo attività ai servizi sociali. Chisso era ai domiciliari ed è stato accompagnato in carcere dai carabinieri in esecuzione di un provvedimento di carcerazione. L’ex assessore regionale ha sempre negato di aver ricevuto mazzette per le vicende legate alla realizzazione del sistema di dighe mobili per la salvaguardia di Venezia dalle acque alte.

Ti potrebbero interessare anche:

Usa: arrestato cannibale, si preparava a rapire e mangiare dei bambini
Cinque navi, droni, elicotteri, si parte. Via libera all'operazione "Mare nostrum"
Nuovo Regina Margherita, da oltre tre mesi ospita due senza fissa dimora. C'è qualcosa che non va
Anna Tatangelo, lo spacco è vertiginoso: sotto la gonna si vede tutto
GIRO IN BUCA/ Pagherà qualcuno per la figuraccia in eurovisione?
Acqua alta a Venezia, la maratona cambia percorso



wordpress stat