| categoria: esteri, Senza categoria

Isis, l’allarme della stampa tedesca: «Rubati decine di migliaia di passaporti»

Rimbalza dalle colonne di un settimanale tedesco l’ultima minaccia targata Isis diretta all’Europa: a leggere infatti le pagine di Welt am Sonntag, che cita fonti legate ai servizi segreti occidentali, lo Stato Islamico si sarebbe reso protagonista del furto di “decina di migliaia” di passaporti “originali” con cui un cospicuo manipolo di spietati miliziani potrebbe presto varcare i confini del Vecchio Continente confondendosi tra i rifugiati o i richiedenti asilo.

Stando a quanto riportato dal giornale, lo scippo sarebbe avvenuto in Iraq, Libia e Siria, Paesi dove gli uomini del Califfato hanno facile accesso agli uffici amministrativi in cui si preparano e si stampano i preziosi documenti.

Oltre che un’arma pericolosa da utilizzare contro i nemici, per l’Isis lo smercio dei passaporti, comprensivi dei timbri governativi ma comunque illegali in quanto non sottoposti al vaglio definitivo delle autorità, sarebbe anche un affare economico non di poco conto: secondo gli insider interpellati da Welt am Sonntag, infatti, il materiale contraffatto verrebbe venduto al mercato nero con prezzi oscillanti tra i 1000 e i 1500 euro.

Ti potrebbero interessare anche:

L'eroe dei giovani? Per otto su dieci è Papa Francesco
Israele, carcere fino a 20 anni per chi lancia pietre
Cefalea malattia di "serie B", pazienti senza diritti
Ungheria, scontri al muro anti-profughi: polizia lancia lacrimogeni ai migranti
REFERENDUM/ Renzi scrive agli italiani all'estero, e scoppia la polemica
Lazio, con app 112 geolocalizzazione



wordpress stat